Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Cultura Fotografica » Scheda Articolo

Cronache e cronologia di guerre, inviata speciale: la fotografia
Autore: Maria Fina Ingaliso - Pubblicato il 17/06/08 - Categoria Cultura Fotografica
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 4818 volte

Share |
Una delle attività assegnate alla fotografia fu di essere considerata documento – prova. Un compito non sempre facile se lo guardiamo con le conoscenze di oggi, è vero, la fotografia è analogica ma a questa analogia contribuisce il fotografo, nel momento in cui dirige l’obiettivo verso una realtà anziché verso un’altra. Uno dei primi esordi, ufficiale, di questo compito documentario e di prova, che fa entrare la fotografia in rapporto con la storia, si deve alla casa Reale britannica, in seguito alla guerra di Crimea (1853-1856).

GRAN BRETAGNA
“Incompetenza ed inefficienza militare” erano le frasi ricorrenti dei corrispondenti di guerra britannici Chenery e Russell. Asserzioni che fomentavano il malcontento popolare inglese, e che la casa reale, per frenarlo e testimoniare la propria supremazia, pensò bene di servirsi del mezzo fotografico, quale prova inconfutabile di quanto avveniva. Pertanto, incoraggiò e finanziò una spedizione del giovane fotografo, nonché allievo del pittore Delaroche, avvocato e fondatore della Royal Photographic Society, Roger Fenton (1819-1869), facendo di lui il primo photographer ufficiale della fotografia.

CRIMEA
Roger Fenton giunse in Crimea nel febbraio 1855, accompagnato da due assistenti e, vista la voluminosità delle attrezzature fotografiche, da un carro adibito a laboratorio. Gli aspetti di una guerra cruenta, che tutti si aspettavano di vedere, si tramutarono, nelle ca.350 immagini che riportò in patria (la valle dell’ombra della morte è la più nota fotografia), in paesaggi e ritratti di ufficiali; di azioni belliche, di scene drammatiche, nessuna traccia.












valle dell'ombra della morte

Quando nel 1855 il colonnello francese Jean Charles Langlois e James Robertson, recatisi in Crimea, fornirono alcune immagini di corpi esanimi che dimostravano la veridicità dei corrispondenti di guerra, fu palese che le immagini di Fenton avevano mascherato la realtà documentaristica di questa guerra a favore di una reale committenza.


INDIA - CINA
Felice Beato, veneziano naturalizzato inglese, sulle orme delle guerre che divampavano in quel periodo, si spostò, insieme a Robertson, verso l’India, con l’idea di documentare le rivolte in atto (Indian Mutiny 1857-1859), ma non giunsero in tempo così si limitarono a fotografare solo le tracce di distruzione lasciate da questa sommossa. La “guerra dell’oppio”, in Cina, fu la successiva tappa di Felice Beato. Qui, le situazioni terribilmente drammatiche ed angoscianti che vi trovò, diedero merito alle sue abilità di “ vero fotoreporter”, fornì, infatti, delle testimonianze visive (fotografie) di una sgradevole realtà. In seguito, in Giappone scoprì l’uso dei pigmenti per colorare le fotografie, una tecnica che, accomunata a quella occidentale, conquistò molti compratori occidentali, ricordiamo le fotografie sui Samurai.













samurai



GUERRA CIVILE AMERICANA
All’inizio (1861) fu seguita da due fotoreporters, solo di uno conosciamo il nome Mathew B. Brady (1823-1896), successivamente furono centinaia i fotoreporter che seguirono l’evolversi di questa guerra. Brady, con 26 collaboratori scattò migliaia di immagini, con l’intento di ricavarne un utile economico, un progetto che si rivelò un fallimento e che lasciò Brady nelle mani della povertà. A tal proposito scrive D’Autilia “ Le fotografie di Brady mostrano per la prima volta la guerra totale, dove la morte non solo si comincia a vedere, ma si mostra subito in dimensioni industriali”. Alexander Gardner, suo ex collaboratore, nel 1866, pubblicò due volumi di immagini di questa guerra, per la maggior parte a firma di Timoty O’Sullivan (1840-1882), tra le quali spiccava il ritratto del presidente Lincoln in visita alle truppe. Il caso volle in seguito che fosse lo stesso Gardner a fotografare prima di morire Lewis Payne, uno dei complottatori dell’assassinio al presidente Lincoln.


© Maria Fina Ingaliso Collaboratrice DAC - FIAF





Bibliografia:

- Piccola Storia della Fotografia - Diego Mormorio
- Breve Storia della fotografia –Jean-A Keim –Piccola Biblioteca Einaudi
- L’indizio e la prova – Gabriele d’Autilia – ed. La Nuova Italia T


Share |
CITIES - a contemporary view
“Sono gli altri le strade, io sono una piazza, non porto in nessun posto, io sono un posto.&rd...
Iscrivi una foto GRATIS a URBAN Photo Awards 2022!
La fotografia è la grande passione che da 13 anni condividiamo con autori da tutto il mondo. Per que...
3 CCF BOOK AWARD
Attiva fino al 15 maggio la call per il3° Corigliano Calabro Fotografia Book Award! Nell&rsqu...
Fino a metà maggio call open al TTA,Travel Tales Award
Starring,  con Photographers.it, Viaggio Fotografico,  Il FOTOGRAFO,  la OTTO Gallery...
Premio Emiliano Mancuso | I^ edizione
In occasione della XV edizione del Festival FotoLeggendo, che si svolgerà a Roma dal 24 giugn...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
06 Luglio 2022         a Francia   (Torino)
Essere in Provenza a Luglio,significa essere al centro di una poesia pura ed avere l’occasione perfe..[continua]
13 Agosto 2022         a SUD AFRICA   (Lecco)
VIAGGIO FOTOGRAFICO IN SUD AFRICA ..[continua]

  Popular Tags  
guerra illuminazione fotoreporter 2010 vernissage macrofotografia spettacolo World Press Photo spiaggia Padova vacanze Cuba nikon terra tradizione Capture One 6.2
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13958 Utenti Registrati + 33864 Iscritti alla Newsletter
6955 News Inserite - 1863 Articoli Inseriti
2817 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate