Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi www.esta-usa-visto.it/   ISP   Photofestival              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Mostre » Scheda Articolo

A New York Shoot4Change racconta le storie dai quattro continenti
Autore: Shoot4Change - Pubblicato il 17/06/12 - Categoria Mostre
Gradimento: Molto Interessante
Questa pagina è stata visitata 3371 volte

Share |

Europa, Asia, America, Africa si incontrano negli  scatti di Shoot4Change per sensibilizzare l’opinione pubblica sul sociale. Tutto quello che Shoot4Change può fare è continuare a raccontare storie in una società che cambia.
È il momento di New York dopo il Festival della Fotografia Europea di Reggio Emilia e il Festival Internazionale della Fotografia di Roma.
Dal 5 al 31 luglio al via la mostra fotografica 4Continents 4Change presso la Soho Photo Gallery di  Manhattan, un viaggio attraverso i quattro continenti alla scoperta dei volti e delle storie che singolarmente non fanno notizia.

Storie di integrazione o di recupero, realtà solidali positive poco note accanto a storie di miseria o di grande disperazione. Dalle periferie urbane dietro l’angolo ai luoghi dimenticati del mondo Shoot4Change ha riunito ancora una volta i lati, belli e meno belli, che accomunano il genere umano sparso per i continenti. Numerose le presenze d’eccezione di questa mostra: dai grandi fotografi del National Geographic o pluripremiati, ai giovanissimi talenti della fotografia ai fotografi amatoriali che realizzano reportage collettivi. Diversi anche gli stili, fino alla iPhoneography.

Oltre trenta i fotografi esposti. Tra i diversi reportage, dall’America gli scatti sul disagio mentale nelle prigioni di stato USA accanto ai visi perduti del senzatetto di Detroit. Gli scatti dei medici missionari in Amazzonia, oppure ancora le foto scattate dai bambini di periferia che danno uno squarcio di speranza tra il degrado delle loro realtà.
In Africa Shoot4Change riscopre invece le storie dei più poveri che vivono nella Città dei morti, il cimitero monumentale del Cairo. Proposti anche gli scatti in Burkina Faso di un fotografo quindicenne italiano, il racconto dei sogni dei bambini senegalesi, la perdita di identità dei popoli della Namibia a seguito della costruzione di nuove dighe.
Dall’Asia gli scatti di Fukushima dopo lo tsunami o quelli dei profughi del Myanmar in fuga verso il Bangladesh.
Numerose storie anche dall’Europa, dall’Italia fino all’Ucraina che vede i bambini di Chernobyl affetti da cancro a distanza di anni dal disastro nucleare. Alternando toni drammatici e profondi ad altri più leggeri, presenti anche i reportage collettivi di grande attualità come quelli sul movimento Occupy nato proprio a New York e il lavoro degli studenti di Next Generation, il progetto internazionale di Shoot4Change per formare fotografi sociali tra le nuove generazioni in diverse città al mondo.

Mondi lontanissimi tenuti insieme da uno sguardo comune. In tutte le immagini si coglie la scintilla di umanità di chi resiste e vuole farcela, nonostante il disagio che lo circonda. I fotografi volontari di Shoot4Change hanno un sesto senso per questi aspetti e sanno bene quanto sia delicato il loro lavoro. Perché ogni persona fotografata affida silenziosamente la propria dignità al fotografo, che si fa carico di trattarla con rispetto, cercando di denunciare il peggio, ma anche di esaltare il meglio della realtà che incontra. E’ uno degli ingredienti del successo del network fondato da Antonio Amendola.

La prossime mostre di Shoot4Change saranno a Città del Messico in autunno e a Roma il prossimo dicembre, nella convinzione che non sono sempre e solo le grandi storie a fare la differenza. Per Shoot4Change sono importanti anche quelle piccole. Le storie spesso dimenticate, sottovalutate, ignorate e che non piacciono in genere ai grandi media perché non fanno notizia. Quelle degli innovatori locali, di chi fa il volontario e spontaneamente rinuncia a parte del proprio tempo mettendolo a disposizione di chi ha bisogno.

‘Shoot4Change racconta storie attraverso la fotografia e insegna anche ai bambini a farlo grazie al progetto Shoot4Change Next Generation. Ci piace ispirare gli altri ed essere ispirati’ commentano Yelena Futeran e Grace Roth, Shoot4Change New York e curatrici di 4Continents 4Change. 
‘Di recente abbiamo ad esempio raccontato la storia di Alina, una ragazza ucraina affetta da quello che chiamiamo disturbo mentale, ma ciò che disturba forse è la sua storia. Affidata ad un orfanotrofio dai genitori, giornalisti ucraini che rifiutano anche solo di parlarle; incontra una giovane fotografa che le presta la sua macchina fotografica. E comincia a raccontare il suo orfanotrofio. Con una delicatezza e spontaneità che disturba i "superiori" che tendono a non far sapere cosa accade lì dentro. La fotografia è una terapia per lei. E il messaggio finale, i tre desideri che esprime alla fine del video lasciano l'amaro in bocca, sì, ma anche tanta speranza. Una storia che fa riflettere sul senso di ciò che facciamo, come ShootChange, come fotografi, come raccontastorie’.

www.shoot4change.net ; E-mail:
press@shoot4change.net

Immagine nell'articolo © Paolo Cardone/Shoot4Change


Share |
FUJIFILM collabora con Magnum Photos al progetto “HOME”
Mostre fotografiche di 15 “Magnum Photographers” in 7 città del mondo   ...
X Vision Fujifilm Tour
Fujifilm mette a fuoco la fotografia con X-Vision Tour, il nuovo roadshow di cultura fotografica che...
Silenzi Urbani
Call per 5 progetti che costituiranno la Rassegna fotografica Silenzi Urbani, adesioni ENTRO IL 1 FE...
Borse di studio per Master di fotografia
Il Centro Sperimentale di Fotografia di Roma promuove un BANDO DI CONCORSO per il conferimento di...
Opening Castelnuovo Fotografia 2017
LANDSCAPE / PORTRAIT L’edizione di quest’anno si focalizza sull’esplorazione e la dimensione esis...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
10 Febbraio 2018         a Barbagia   (Nuoro)
Se quando pensate al Carnevale pensate a stelle filanti e mascherine, carri allegorici e divertiment..[continua]

  Popular Tags  
milandri presentazione illuminazione spiaggia web World Press Photo corsi di fotografia libro fotografico prodotto sud creatività Africa Adobe concorso fotografico master solitudine
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13490 Utenti Registrati + 10376 Iscritti alla Newsletter
6463 News Inserite - 1752 Articoli Inseriti
2762 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate