Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Tecnica » Scheda Articolo

L'APPARECCHIO A BANCO OTTICO NELLA PRATICA FOTOGRAFICA CONTEMPORANEA.
Autore: Camera Creativa - Pubblicato il 27/01/09 - Categoria Tecnica
Gradimento: Utile a Sapersi
Questa pagina è stata visitata 21029 volte

Share |

Oggi l'apparecchio a Banco Ottico è lontano dall'essere uno strumento riservato solo a vecchi fotografi di impostazione tradizionalista. Il Banco Ottico, nell'ambito della fotografia professionale e creativa sta diventando sempre più attuale. Qui di seguito si cercherà di capire perché questa particolare fotocamera continua a trovare favori e successo presso tanti giovani fotografi e vincere anche il confronto con le ultime applicazioni digitali.

Sembra che l'apparecchio a banco ottico stia vivendo una nuova stagione di successo. Molti giovani appassionati si stanno avvicinando alla fotografia di grande formato prefigurando anche un ritorno alla pratica del sistema analogico. Il banco ottico continua a trovare nuovi "aficionados" e lo stesso futuro è atteso anche dalla pellicola.
La domanda che nasce spontanea, a questo punto, è perché qualcuno vorrebbe ancora usare un tipo di fotocamera che è riconducibile agli albori della fotografia?
La risposta probabilmente risiede in tre aspetti: SENTIMENTALISMO, CREATIVITÀ e CONTROLLO TECNICO. Il primo punto è abbastanza ovvio ed è simile all'attrazione che alcuni automobilisti hanno per le auto d'epoca, quando sarebbe semplicemente più facile e spesso notevolmente meno costoso guidare un modello di autovettura contemporanea. Nel campo della fotografia, tali persone, sono più inclini ai classici apparecchi "folding" in legno piuttosto che a quelli di metallo su monorotaia.

Invece, il perché la CREATIVITÀ muove tanti "aficionados" verso la fotografia di grande formato è più sfaccettato, ed include, insieme ad altri argomenti tecnici discussi sotto, fattori come la possibilità di ottimizzare, in modo fine, esposizione e sviluppo per ciascuna immagine.
Oggi le emulsioni e le sensibilità delle pellicole sono progettate per riprese di scene diversamente illuminate, quindi all'operatore del banco ottico non resta altro che caricare la giusta pellicola per la scena che intende riprendere, per poi processarla e ottimizzarla secondo il trattamento di sviluppo più consono alle sue aspettative creative.
Potrebbe essere reclamato che la fotografia digitale offre questa stessa flessibilità, ma ogni fotocamera digitale è progettata per possedere il suo optimum di resa a determinate impostazioni luministiche, per cui deviare da queste impostazioni significa sempre accettare compromessi in altre aree dell'immagine come l'insorgenza del "rumore" o la perdita di fedeltà dei colori.
Quasi certamente è proprio questo potenziale creativo, senza compromessi, insieme al piacere di maneggiare un oggetto tecnologicamente affascinante e di straordinaria qualità tattile, che attrae tanti fotografi più giovani alla fotografia di grande formato in generale, e più specificamente alle "folding" in legno.
Forse il principale aspetto tecnico dell'apparecchio a Banco Ottico che induce a pensare in modo creativo, è il controllo del piano di fuoco, che può essere solo simulato, ma non replicato, se usiamo tecniche digitali.
Più specificamente, i movimenti forniti dal banco ottico permettono di riprendere scene con piani di fuoco inclinati e quindi consentono di restringere o estendere la zone di fuoco apparente attraverso l'immagine.
Gli stessi movimenti forniscono anche il controllo della prospettiva, solo questa opzione è facile da imitare in ambito digitale.
Altri vantaggi tecnici includono l'abilità di cambiare il punto di vista di un soggetto senza introdurre distorsioni prospettiche creando così l'illusione di aver usato una differente posizione della camera, questo perché se la posizione suggerita fosse stata realmente usata in ripresa avrebbe determinato qualche inconveniente all'interno dell'immagine. Una situazione classica in cui si ricorre a questa tecnica è quando si ha la necessità di fotografare, per esempio, un piatto di ottone levigato a specchio, posizionando la camera in asse con il centro del piatto, il risultato che si ottiene è un'immagine della camera riflessa all'interno del piatto, oscurando così importanti dettagli dell'oggetto ripreso.
Un abile lavoro di ritocco può essere usato per rimuovere il riflesso della camera, ma importanti dettagli dell'oggetto, oscurati dal riflesso, saranno persi per sempre.
Il banco ottico permette di risolvere questo tipo di problematiche in pochi minuti di esecuzione mediante il posizionamento della camera fuori asse rispetto all'oggetto ripreso. Infatti usando i movimenti della camera abbiamo la possibilità di ricreare la prospettiva in pianta dell'apparecchio a Banco ottico sull'oggetto.
I sostenitori del digitale potrebbero affermare che la stessa problematica, di cambiare il punto di vista senza distorsioni, può essere risolta con l'aiuto del computer, ma l'operatore del banco ottico, grazie all'Effetto di Scheimpflug, può giocare un'ulteriore carta vincente posizionando il piano di fuoco precisamente lungo tutta la superfice dell'oggetto da riprendere che ora risulta inclinato rispetto all'asse della camera.

Roberto Lavini
fotografo

Commenti:
25/02/09 12:42
Vi sono due notizie. Una cattiva ed una buona. La notizia cattiva è che le produzioni di pellicola analogiche a sviluppo instantaneo furono interrotte dalla Polaroid già nel Giugno 2008 con la chiusura degli stabilimenti in Messico e in Olanda.
La Polaroid attualmente si sta trasformando da azienda di produzione di pellicola instantanea analogica ad azienda di produzione di "Digital Imaging". La buona notizia è che pochi mesi dopo che la Polaroid annuciò la chiusura dei suoi stabilimenti, La Harman Technology (Ilford Photo) insieme a Florian Kaps (Lomographic Society) lanciarono un progetto per la rinascita della Polaroid. Florian Kaps avrebbe già acquistato le macchine dalla Polaroid per la produzione della nuova pellicola a sviluppo immediato che avrebbe però un nuovo marchio e si tratterebbe in realtà della nascita di un nuovo prodotto. Altre notizie le trovi nel loro sito web http://www.the-impossible-project.com/ dove sarà possibile acquistare pellicole di grande formato a sviluppo istantaneo ancora in magazzino.
Tuttavia durante il workshop che terrò ad Arezzo il 28 e 29 Marzo, "L'Apparecchio a Banco Ottico: teoria e pratica", userò anche queste pellicole a sviluppo immediato di fondamentale importanza per apprendere e lavorare con il Banco Ottico.

Alberto Tissoni
22/02/09 14:42
dario bruno scrive:
A proposito di questo volevo sapere, da chi segue meglio e più di me il mercato, se effettivamente la Polaroid ha cessato di produrre pellicole a sviluppo istantaneo di grande formato per B.O. ... ne sapete nulla?
1 pagina: 1
Share |
Festival del Tempo 2021: aperta la call per gli artisti
Il FESTIVAL DEL TEMPO, il primo Festival dedicato al Tempo, lancia due Bandi Internazionali all&rsqu...
In Libreria il nuovo libro fotografico
PUBBLICAZIONE DEL LIBRO FOTOGRAFICO “FT – FOTOGRAFIA TRANSFIGURATIVA | Transfigurative P...
ANTEPRIMA BIENNALE FOODPHOTOGRAPHY
L’ARTE DEL CIBO DAL TERRITORIO ALLA TAVOLA Il 31 ottobre 2021 alle ore 10.00 l’Associ...
Paolo Pellegrin sceglierà il Portfolio vincitore di URBAN Photo Awards 2021
Siamo entusiasti di annunciare la presenza di un altro grandissimo fotografo dell’agenzia Magnum Pho...
Fotografia Europea
Venerdì...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
nudo fotografia contemporanea isfci galleria 2009 spiaggia corsi fotografia fotogiornalismo Fujifilm fiori montagna fotolia officine fotografiche bologna seminario bortolozzo
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13948 Utenti Registrati + 31643 Iscritti alla Newsletter
6933 News Inserite - 1851 Articoli Inseriti
2814 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate