Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi www.esta-usa-visto.it/   ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Tutorial » Scheda Articolo

Zoom o focale fissa?
Autore: Adriano Frisanco - Pubblicato il 16/04/13 - Categoria Tutorial
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 5148 volte

Share |

Zoom o focale fissa?

Per addentrarci in questo argomento è necessaria una breve premessa di carattere storico.

Fino agli inizi degli anni ’80 del secolo scorso gran parte dei fotografi, me compreso, utilizzava obiettivi a focale fissa in quanto gli zoom (ottiche a focale variabile) fornivano una qualità ottica scadente con costi, ingombri e pesi da non invogliare all’acquisto. L’utilizzo degli obiettivi a focale fissa prevedeva che il fotografo, quando decideva che per fare una certa foto era utile o necessario un angolo diverso da quello fornito dall’obiettivo in uso in quel momento, doveva fermarsi, aprire la borsa, sostituire l’ottica e finalmente rifare l’inquadratura e scattare. La diffusione degli zoom che, da un certo punto in poi, hanno totalmente soppiantato le ottiche fisse, se da un lato ha indubbiamente costituito una comodità per i fotografi, grazie al minor ingombro, peso e macchinosità operativa, da un altro punto di vista ha contribuito a generare dei vizi comportamentali e una perdita di consapevolezza che ha, a mio avviso, impoverito e appiattito la pratica fotoamatoriale. Entriamo nel merito.

Ciò che è ignoto a molte persone è che la regolazione dello zoom non determina solamente una variazione dell’angolo di ripresa ma anche il modo in cui la scena viene rappresentata dalla fotografia. Più precisamente: ogni variazione di angolo di ripresa causa una modifica della resa prospettica, cioè quella componente della visione e della rappresentazione bidimensionale che restituisce la profondità della scena.

Ognuno di noi sa che “i cipressi che da Bolgheri alti e schietti, van da San Guido in duplice filar…”, sono tutti, più o meno, della stessa altezza ma ciononostante li percepiamo sempre più piccoli, man a mano che si allontanano da noi. Questa percezione prospettica, che non corrisponde a un dato reale, è utilissima per capire la distanza delle cose, la profondità dello spazio in cui siamo in un dato momento.

Anche in fotografia la prospettiva fa sì che gli spigoli degli edifici convergano verso l’alto, che le rotaie del treno si avvicinino fino a toccarsi, che gli alberi del viale diventino sempre più piccoli, ma lo può fare con una intensità variabile a seconda dell’angolo di ripresa dell’obiettivo in uso. L’uso dell’obiettivo cosiddetto “normale” (50 mm per le macchine full-format, 30/32 mm per le reflex APS) produce un effetto prospettico analogo a quello della percezione dei nostri occhi. Diversamente l’uso di un obiettivo grandangolare esaspera la prospettiva, fa sembrare la scena più profonda di quanto sia, fa convergere le linee parallele più di quanto non succeda guardando la scena dal vivo. All’opposto il teleobiettivo genera una compressione dell’effetto prospettico, via via più intensa quanto maggiore è la sua lunghezza focale, dando l’impressione che i vari piani della scena siano più vicini fra loro di quanto siano in realtà.

Ne deriva una conseguenza e un’opportunità sul piano tecnico ed espressivo di grande portata, che il fotografo deve innanzitutto conoscere e utilizzare con discernimento e consapevolezza.


Come già affermato considero indispensabile per il fotografo la piena consapevolezza che le diverse lunghezze focali, ovvero le diverse possibili regolazioni dello zoom, determinano un modo diverso di riprodurre la scena fotografata, di rendere lo spazio e la sua profondità.

Il grandangolo non è tanto lo strumento che permette di stipare un sacco di cose nello stesso fotogramma ma è un modo di dilatare lo spazio, di dare un respiro artificialmente più ampio alla scena fotografata.

Il teleobiettivo non è solo lo strumento che permette di fotografare da lontano la vecchietta nepalese senza farsi notare bensì uno strumento utile a comprimere i vari piani della scena e a limitare l’ampiezza dello sfondo.

Il “normale” non è solamente l’obiettivo che usavano i nonni, un ottica antica da rottamare, magari, visti i tempi, insieme ai suoi utilizzatori. È invece lo strumento ottico più onesto e schietto che si possa usare per fare fotografia, uno strumento che non ti regala nulla che tu non sappia conquistare con la tua capacità di osservare e comporre la realtà.

 

Gli zoom

Lo zoom è indubbiamente uno strumento utilissimo, comodo, prezioso per la flessibilità operativa che ci offre, ma va utilizzato con intelligenza e piena padronanza di ciò che può fare.

È anche uno “strumento del diavolo”, concedetemi la battuta, in quanto induce facilmente alla tentazione di usarlo in maniera impropria, cioè per risparmiarci la fatica di muoverci rispetto al soggetto, per fare l’inquadratura restando inchiodati nel posto dove abbiamo provato la sollecitazione a fotografare.

L’uso intelligente a cui mi riferisco è semplicemente quello di considerarlo una serie di obiettivi a focale fissa inglobati in un corpo unico, da regolare prima di cominciare a comporre, sulla base della resa prospettica prescelta.

Esercizio

Se volete accelerare l’acquisizione di questa modalità di utilizzo dello zoom dedicate qualche uscita fotografica al seguente esercizio, che sempre suggerisco nei miei corsi:

regolate lo zoom (per esempio uno standard 18/55 mm) sulla focale minima e per un quarto d’ora, mezz’ora se avete più tempo a disposizione, non toccate più la ghiera e cominciate ad esplorare il luogo (mettiamo che sia la piazza della vostra città) con l’occhio del grandangolo, fino ad assimilarne la visione, muovendovi avanti e indietro per includere o escludere le porzioni della scena desiderate. Ovviamente scattate tutte le volte che vi pare opportuno.

Regolate lo zoom sulla focale normale (fra 30 e 35 mm per una reflex APS) e imponetevi di non variare l’angolo per uno stesso lasso di tempo.

Fate lo stesso esercizio impostando la focale più lunga, 55 mm, corrispondente a un piccolo teleobiettivo.

Vi assicuro che sarà un’esperienza molto interessante e molto proficua per la vostra crescita di fotografi perché favorirà la vostra padronanza della componente prospettica della rappresentazione fotografica.

 

Gli obiettivi a focale fissa

Cosa offrono gli obiettivi a focale fissa in più e in meno rispetto agli zoom?

Per riassumere sinteticamente i vantaggi e gli svantaggi dei due tipi di obiettivi vi propongo la seguente tabella:

 

 

ZOOM

OTTICA FISSA

VOLUME E PESO

Più ingombrante e pesante rispetto al singolo obiettivo fisso ma decisamente più vantaggioso se confrontato con un corredo di tre ottiche fisse che coprano l’equivalente escursione focale

Preso singolarmente l’obiettivo a focale fissa è spesso più leggero e più piccolo della media degli zoom ma se si sommano il peso e l’ingombro di un 18 mm + 35 mm + 50 mm fissi …. non c’è gara!

LUMINOSITÀ

Gli zoom più luminosi (per apparecchi reflex) arrivano ad un apertura massima di f 2.8, negli esemplari più costosi e pesanti

Le ottiche fisse raggiungono luminosità impensabili per gli zoom: f 1.2 (per il 50 mm e l’85 mm), con una possibilità moltiplicata di giocare con lo sfocato.

QUALITÀ OTTICA (*)

Negli ultimi anni la qualità ottica degli zoom ha fatto passi da gigante ma si riscontra sempre una discontinuità nella resa alle varie focali

Mediamente la qualità delle ottiche fisse è buona o molto buona, talvolta eccellente. Spesso, bisogna ammettere, i progetti ottici sono alquanto datati e potrebbero essere sicuramente migliorati se per le case produttrici valesse la pena investire in quella direzione

OPERATIVITÀ

Lo zoom fa risparmiare tempo in fase di ripresa permettendo un istantanea regolazione della focale

L’obiettivo fisso costringe a una macchinosità che, soprattutto per le giovani generazioni, risulta fastidiosa e incomprensibile

APPROCCIO MENTALE

Ecco un terreno in cui lo zoom risulta perdente: la possibilità di cambiare continuamente l’angolo di ripresa genera una nevrosi che porta frequentemente il fotografo “immaturo” a smanettare con la ghiera fino a perdere il senso di quello che sta facendo

Questo è il terreno vincente dell’obiettivo a focale fissa: nessuna frenesia, una pacata e limpida consapevolezza della visione che ogni obiettivo propone, un naturale invito a cercare il punto di ripresa più favorevole spostandosi nello spazio, facendo così scoprire altre opportunità compositive.

 

Conclusione

Chi, attraverso l’esperienza e la riflessione, arriva a capire in profondità cosa significa cambiare lunghezza focale, può usare tutti gli obiettivi del mondo sapendone sfruttare le specifiche caratteristiche e controllandone gli eventuali difetti. Mi sento comunque di suggerire di aggiungere al proprio corredo almeno un ottica fissa (un 50 o un 35 mm) che diventa un “maestro” di fotografia sempre disponibile.

Share |
Giovane Fotografia Italiana #07 - Call for proposals 2019
Nuove proposte e un respiro ancora più internazionale: sono queste le caratteristiche di Giov...
Cities da Officine Fotografiche 11/12
Cities numero 4 in arrivo! Cities, speciale Back to the Past in partenza! Le strade di Cities si...
Marzia Gamba - I like food better than people
Dal 24 novembre 2018 al 5 maggio 2019 l’Art Hotel Commercianti, nel cuore medievale di Bologna...
Le mostre di Umbria World Fest 2018
Umbria World Fest torna a Foligno per la sua diciassettesima edizione dal 12 al 14 ottobre 2018. Com...
Ritratti Scomposti da Spazio Tadini
RITRATTI SCOMPOSTI A Cura di Federicapaola Capecchi e Angelo Cucchetto 20/21/22 dicembre 2018 Casa ...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
29 Dicembre 2018         a LECCO   (Lecco)
GENNA, IL NATALE COPTO A LALIBELA VIAGGIO FOTOGRAFICO CONFERMATO - 2 POSTI DISPONIBILI viaggio fot..[continua]
18 Aprile 2019         a ERITREA   (Lecco)
workshop fotografico dedicato alla fotografia di reportage I partecipanti lavoreranno a ideazione, s..[continua]

  Popular Tags  
base mostra collettiva Corpo art danza Still Life backstage berlino raw rassegne artisti galleria rivista beauty spettacolo FORMA
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13747 Utenti Registrati + 12362 Iscritti alla Newsletter
6701 News Inserite - 1799 Articoli Inseriti
2800 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate