Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Riflessioni » Scheda Articolo

We Do the Rest.
Autore: Fulvio Bortolozzo - Pubblicato il 01/08/13 - Categoria Riflessioni
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 4075 volte

Share |

Con questo primo giorno di un mese di piena estate inizio un necessario momento di riflessione. Spesso mi capita in questo periodo di tirare le fila di quanto fatto e di pensare al da farsi. Forse dipende dalla stagione, forse da una consuetudine radicata fin dai tempi della scuola elementare. Un primo argomento su cui merita scervellarsi è il senso che può avere, per uno come me che lo fa da trenta e passa anni, continuare a fotografare nel tempo di Instagram.

Chi mi legge, sa che considero Instagram un progetto di "social marketing" altamente tossico per l'educazione all'immagine fotografica. Abitua le menti meno coltivate a considerare il fotografico un giochino facile facile per mettersi in evidenza con amici e conoscenti attraverso tecniche automatiche di produzione di icone ottiche. Sembra la realizzazione perfetta dell'antico motto della Kodak "You Press the Button, We Do the Rest". All'epoca, con l'espressione "We Do the Rest" si proponeva solo la soluzione tecnica, la fotografia scattata e poi consegnata bella e stampata senza che il "fotografante" ne capissa un'acca di come poteva essere accaduto. Oggi con la condivisione istantanea di scatti realizzati d'istinto con uno smartphone, e sovente "abbelliti" con elaborazioni precotte di dubbio gusto, ad essere abolito è il tempo necessario per capire cosa si è fatto e per decidere se merita la pena o meno di farlo vedere in giro. In sostanza è il pensiero autocritico l'ultimo dei resti che viene buttato via a favore della felice condivisione "no problem" di cliché iconici tutti uguali a loro stessi e prodotti in numeri miliardari da schiere di "replicanti ottici".

A fronte di questo panorama, per me, desolante, che senso ha ostinarsi a produrre immagini analitiche che reggano il confronto con le tradizionali immagini di sintesi, attraverso la cura attenta della loro realizzazione e della successiva esposizione e/o pubblicazione? Che senso ha poi trasmettere queste conoscenze?

Le domande sono chiare nella mia mente, non lo sono per nulla le risposte. I contributi di pensiero dei miei lettori sono ovviamente più che graditi


Share |
Iscrizioni aperte a URBAN Photo Awards 2021!
Bruce Gilden presidente della giuria In palio un montepremi del valore di 23.000 € e mostre al...
DREAMLANDS autori
In lavorazione il nuovo volume della serie Autoriale di ISP, un libro speciale dedicato  alla f...
Francesco Cito sceglierà il vincitore di URBAN Book Award
Siamo onorati di ospitare nella giuria di URBAN Photo Awards 2021 Francesco Cito, uno dei più grandi...
IMP Festival
Oggi apre a Padova uno dei più interessanti eventi lanciati negli ultimi anni, IMP Festival -...
Paolo Pellegrin sceglierà il Portfolio vincitore di URBAN Photo Awards 2021
Siamo entusiasti di annunciare la presenza di un altro grandissimo fotografo dell’agenzia Magnum Pho...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
23 Giugno 2021         a Carrara   (Massa Carrara)
L'itinerario del Marmo. Info & PDF: https://sandrosantioli.com/it/marble-landscapes/..[continua]

  Popular Tags  
gitzo corso di fotografia lavoro Gianni Berengo Gardin bianco installazione dotart magazine erminio annunzi paesaggio abbandono pellicola colore Parallelozero Fotoreportage ritratto
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13932 Utenti Registrati + 30305 Iscritti alla Newsletter
6897 News Inserite - 1849 Articoli Inseriti
2817 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate