Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   www.esta-usa-visto.it/   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Riflessioni » Scheda Articolo

Fino alla prossima fotografia
Autore: Fulvio Bortolozzo - Pubblicato il 22/08/14 - Categoria Riflessioni
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 2058 volte

Share |
La questione fondamentale, quella dalla quale tutto deriva è quella del tempo. Al di là di funzioni e finalità. Oltre ogni aspetto professionale o d'amore, perché nel fotografico si lavora e si ama, così almeno si usa pensare. Superando tutte le parole che si affacciano alla mente, per quanto acuminate o confuse, resta una questione di tempo.

Quale tempo? Il mio. Un tempo dato, forse persino predeterminato. Il mio perché riguarda me, ma è anche il tuo, che stai ora impiegando per leggermi.

Se questa misura del tempo umano è finita, com'è nei fatti biologici per quanto le religioni si sforzino da sempre di inventare prolungamenti di varia natura, allora ecco che diventa uno dei temi di riflessione più interessanti.

L'approccio fotografico alla questione del tempo è terribilmente semplice: lo sposta. Nel prendere una fotografia si spende del tempo esistenziale finito, il proprio. Anche solo per una frazione di secondo, che poi è sempre molto di più per quanto veloci si possa essere. Il gesto tenderà però a non restare isolato, si vorrà osservare, anche solo di sfuggita su un piccolo display, la traccia visiva che la fotocamera ha trattenuto. Altro tempo. Infine c'è la diffusione della traccia, quasi immediata oggi, ma in casi sempre meno frequenti ancora ripetuta più in là, magari molti anni dopo. Altro tempo, stavolta anche di altri.

Cosa c'è da guadagnare nell'impiegare del tempo per prendere ed osservare fotografie? Molte spiegazioni convincenti si possono leggere e sentire. Alla fine però forse una sola resta davvero sempre valida: l'oblio.

Dimenticarsi di dover per forza esistere in un tempo dato, in un flusso esistenziale che non ha inciampi, ritardi e nemmeno ritorni possibili. L'illusione di eternità presente in ogni fotografia aiuta a provocare una vertigine, un delirio all'interno del quale, invece di impazzire come si dovrebbe, si possa continuare a vivere la propria  vita. Almeno per un altro po' di tempo, fino alla prossima fotografia.
Share |
Giovane Fotografia Italiana #07 - Call for proposals 2019
Nuove proposte e un respiro ancora più internazionale: sono queste le caratteristiche di Giov...
Marzia Gamba - I like food better than people
Dal 24 novembre 2018 al 5 maggio 2019 l’Art Hotel Commercianti, nel cuore medievale di Bologna...
Ritratti Scomposti da Spazio Tadini
RITRATTI SCOMPOSTI A Cura di Federicapaola Capecchi e Angelo Cucchetto 20/21/22 dicembre 2018 Casa ...
Cities da Officine Fotografiche 11/12
Cities numero 4 in arrivo! Cities, speciale Back to the Past in partenza! Le strade di Cities si...
FAUTOGRAPHIE
"FAUTOGRAPHIE", il primo libro di Michele Di Donato (www.micheledidonato.net) L’i...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
29 Dicembre 2018         a LECCO   (Lecco)
GENNA, IL NATALE COPTO A LALIBELA VIAGGIO FOTOGRAFICO CONFERMATO - 2 POSTI DISPONIBILI viaggio fot..[continua]
18 Aprile 2019         a ERITREA   (Lecco)
workshop fotografico dedicato alla fotografia di reportage I partecipanti lavoreranno a ideazione, s..[continua]

  Popular Tags  
master Londra fotogiornalismo shooting tempo fotografie Parallelozero Flash stylist donne mostre pubblicità museo salento valentina
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13747 Utenti Registrati + 12352 Iscritti alla Newsletter
6700 News Inserite - 1799 Articoli Inseriti
2800 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate