Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi www.esta-usa-visto.it/   ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Cultura Fotografica » Scheda Articolo

Gianni Berengo Gardin, un fotografo di classe.
Autore: Fulvio Bortolozzo - Pubblicato il 29/09/14 - Categoria Cultura Fotografica
Gradimento: Molto Interessante
Questa pagina è stata visitata 2718 volte

Share |
Da più parti ultimamente salgono voci a criticare le varie dichiarazioni di Gianni Berengo Gardin (classe 1930) sulla fotografia vera o presunta, sul digitale, sull'arte e via dicendo. Indignazioni, repliche, stracciar di vesti di ardenti sostenitori delle tesi opposte. Bene, scusate il francese, ma mi sono rotto le palle di sentir tutto questo agitarsi di scudi contro un signore che ha raggiunto un'età veneranda dopo una vita da fotografo, quando fare il fotografo era un mestiere come un altro. Questo è il vero punto, ora che in troppi per avere una fotocamera in mano si considerano artisti, autori, intellettuali prestati, docenti incaricati.

Gianni Berengo Gardin è un uomo che tutto solo soletto si è inventato da zero un lavoro che gli piacesse, in epoche in cui il lavoro che non ti piaceva, ma ti manteneva a vita era elargito con una certa abbondanza. Con la sua fotocamera ha ideato, realizzato e pubblicato, cercando non senza fatica la via economica di volta in volta giusta e senza rubare nulla a nessuno, centinaia di libri. In Italia, quando era già GBG da decenni, nessuno voleva pubblicargli il lavoro sugli zingari, andò a cercare all'estero e in Germania trovò un editore che lo pubblicò e così prese il Premio Oscar Barnack 1994. Ha pushato the button milioni di volte, l'ho visto a Biella, nel 2005 mi pare, con il pollice slogato e il motore sotto la Leica per poter continuare a scattare.

Cosa dica Gianni oggi sul digitale, sul colore, sugli artisti semplicemente NON MI INTERESSA. Sarebbe come chiedere ad un bravissimo artigiano brianzolo del legno di discettare sull'arte contemporanea. Gianni parla da sempre con il suo operaismo, con il suo uscire a fotografare ogni santo giorno, come uno va alla FIAT a montare auto. La quasi totalità di chi lo critica non ha fatto, e non farà mai in vita sua, la millesima parte del lavoro che ha fatto invece Gianni. Gianni lavora come gli operai di una volta, quelli della ormai dimenticata "classe operaia". Questo da sempre dice non con la bocca, ma con le braccia che impugnano la macchina, e lasciamo stare l'occhio, la mente e il cuore che è roba da borghesi parigini che poi si stufano e appendono la macchina al chiodo per mettersi a fare disegnini qualsiasi.
Share |
Cities 6
Cities 6 è in uscita a fine marzo 2020! oltre a poter ordinare copie del magazine sono dis...
17 Graffi. Piazza Fontana 50°
Nel cinquantesimo anniversario di quella che fu una delle pagine più drammatiche della storia...
News dai Festival
riteniamo utile per chi si interessa di Fotografia un memo sui riposizionamenti in corso dei princip...
CITIES INSIDE
rilanciamo volentieri una nuova iniziativa del nostro partner Isp; una call gratuita per progetti ch...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
13 Settembre 2020         a VIETNAM   (Lecco)
workshop - viaggio fotografico con il fotografo Pensotti Stefano nel vIETNAM Reportage, paesaggio, s..[continua]

  Popular Tags  
palermo design base digitale Africa Astratto pinhole abbandono contest fotografie moda autunno manicomio europa epson vita
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13900 Utenti Registrati + 22308 Iscritti alla Newsletter
6877 News Inserite - 1844 Articoli Inseriti
2811 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate