Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Fotografia & Dintorni » Scheda Articolo

Il problema del genere nelle arti visive.
Autore: Fulvio Bortolozzo - Pubblicato il 14/01/15 - Categoria Fotografia & Dintorni
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 2161 volte

Share |
Proprio in questi giorni nel gruppo di Facebook We Do The Rest si è animato un vivace dibattito sull'esistenza o meno di un genere fotografico chiamato Street Photography. La mia posizione è la medesima da sempre: la Street Photography non esiste. Non tedio i miei manzoniani venticinque lettori con una tirata propagandistica a mio favore, ma ne approfitto invece per allargare il tema al problema del "genere" nelle arti visive.

L'idea di poter classificare l'arte visiva, mutuando il metodo dalle scienze naturali è molto antica. Il metodo in se stesso è anche utile. Serve a ridurre la complessità e vastità della produzione visiva a insiemi più maneggevoli per lo studio. Gli scienziati naturalisti sanno però bene che le classificazioni rimangono provvisorie e soggette alla continua verifica e critica di ogni altro studioso che porti nuove osservazioni ed esperimenti a favore di classificazioni diverse.

Spostando questo approccio dalle scienze alle arti visive, per un paradosso tutto da spiegare, il provvisorio diventa definitivo e le classificazioni si trasformano facilmente in etichette inconfutabili: i cosiddetti generi, appunto. Studiosi d'arte, critici, docenti, collezionisti, tifoserie, tutti i cultori della materia insomma tendono ad alimentare una sorta di Letti di Procuste in cui costringere, a volte con evidente violenza logica, qualsiasi opera ed autore in un preciso posto assegnato e non più facilmente ridiscusso in seguito. Questo fatto alimenta la faziosità e l'identificazione del genere come prima questione critica. A quale genere appartiene questo dipinto? Questa fotografia? Questo disegno?

Il classico carro davanti ai buoi. Uno strumento di analisi e conoscenza che diventa una prigione concettuale nella quale ci si preoccupa solo di assegnare le giuste celle. Per questo motivo, tendo a preferire l'azzeramento della questione dei generi, per favorire una ripartenza dell'attenzione sull'opera e sull'autore di per se stessi, senza iniziare con il dare patenti di appartenenza.

In sostituzione della classificazione in generi propongo l'insiemistica delle tradizioni, dei riconoscimenti diretti e reciproci tra gli autori stessi, ove questo sia possibile, ma sempre e comunque con l'intenzione di mantenere queste linee, queste sonde, in perenne stato di verifica e cambiamento.

Facciamo due passi indietro quindi, per farne davvero uno avanti.
Share |
Fotografia Europea
Venerdì...
In Libreria il nuovo libro fotografico
PUBBLICAZIONE DEL LIBRO FOTOGRAFICO “FT – FOTOGRAFIA TRANSFIGURATIVA | Transfigurative P...
DREAMLANDS
Venerdi 22 ottobre verrà presentato ufficialmente il nuovo volume DREAMLANDS - Luoghi dell&rs...
TRAVEL TALES AWARD i selezionati
Sono state scelte le 50 storie che andranno in selezione su TTA,  TRAVEL TALES AWARD, una grand...
TTA a Milano
Continuano le presentazioni del TTA, TRAVEL TALES AWARD, di cui potete visionare tutte le storie pre...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
comunicazione Hahnemuhle intervista rassegna base mostra fotografica gigliola foschi maggio raffaella milandri foto street roberto mutti fotografia italiana artisti tecnica creatività
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13948 Utenti Registrati + 31640 Iscritti alla Newsletter
6932 News Inserite - 1851 Articoli Inseriti
2814 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate