Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food   www.esta-usa-visto.it/              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Cultura Fotografica » Scheda Articolo

LA STRANA STORIA DELLA PRIMA FOTOGRAFIA AL MONDO
Autore: gabriele donati - Pubblicato il 13/05/17 - Categoria Cultura Fotografica
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina č stata visitata 5825 volte

Share |


Chi ha inventato la fotografia? Normalmente si attribuisce l'invenzione della fotografia a Daguerre che nel 1839 rese pubblica la sua scoperta tramite un'esposizione all'accademia delle scienze di Parigi. Pochi sanno però che Daguerre era stato preceduto di non molto da un altro suo conoscente, tale Joseph Nicéphore Niépce anche lui francese. Rivoluzionario, inventore eclettico, amministratore del distretto di Nizza, viveva nell'ossessione di fissare su supporto le immagini riprese tramite la camera oscura. Aveva sperimentato di tutto, probabilmente aveva già usato il cloruro d'argento, senza riuscire a fissare permanentemente l'immagine (ci riuscì per primo Daguerre, anche se qualcuno afferma che Thomas Wedgwood fosse riuscito a farlo vent'anni prima). Il punto era che voleva trovare la maniera di poter ottenere delle lastre per la stampa litografica, senza ricorrere ad un'incisore. Aveva già sperimentato diversi materiali,ma la combinazione di resistenza agli acidi e di fotosensibilità era una ricerca ardua. Poi riuscì a trovare il materiale giusto: il bitume di Giudea era l'unico che reagiva alla luce indurendo e scolorendo, lasciando inalterate o quasi le parti non esposte alla luce. Il bitume in eccesso veniva poi tolto con olio di lavanda che rendeva il bitume insolubile e lasciava le zone esposte a rilievo, pronte per essere inchiostrate.
Il problema era che per ottenere una lastra impressionata, servivano parecchie ore di esposizione alla luce solare, una giornata intera nei casi peggiori
Comunque le lastre ottenute erano di scarsissima qualità ed a causa di questo, Niépce non riusciva a trovare uno stampatore disposto ad utilizzare le sue lastre per stampare su carta i suoi risultati. Nel frattempo continuò a perfezionare il suo metodo che chiamo eliografia. Finalmente nel 1816 riuscì a stampare la sua prima immagine fotografica, più di vent'anni prima di Daguerre.
Il risultato era comunque di bassa qualità e non venne preso in considerazione dalla società del momento. Niépce purtroppo morì prima di riuscire a vedere riconosciuto il primato della sua immagine.

tratto da http://gabrieledonati.altervista.org/la-strana-storia-della-prima-fotografia-al-mondo/

Share |
2° Corigliano Calabro Fotografia Book Award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020, l’associazione Corigliano p...
Cities 6
Cities 6 è in uscita a fine marzo 2020! oltre a poter ordinare copie del magazine sono dis...
CITIES INSIDE
rilanciamo volentieri una nuova iniziativa del nostro partner Isp; una call gratuita per progetti ch...
100 PAROLE X 100 FOTOGRAFI
100 PAROLE X 100 FOTOGRAFI MAPPE DI COMUNICAZIONE CONTEMPORANEA QUATTRO VOLUMI - UNA GRANDE MOST...
News dai Festival
riteniamo utile per chi si interessa di Fotografia un memo sui riposizionamenti in corso dei princip...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
18 Luglio 2020         a KIRGHIZISTAN   (Lecco)
workshop - viaggio fotografico con il fotografo Pensotti Stefano nel Pamir Reportage, paesaggio, str..[continua]

  Popular Tags  
photofestival studenti design smartphone ricerca autunno Foro Stenopeico onnik School jazz photographers Fotoreportage donne rivista abbandono vacanze
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13892 Utenti Registrati + 19466 Iscritti alla Newsletter
6866 News Inserite - 1841 Articoli Inseriti
2808 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate