Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Riflessioni » Scheda Articolo

STILL LIFE, ergo il primo approccio alla posa fotografica
Autore: Shoot Institute - Pubblicato il 27/09/10 - Categoria Riflessioni
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 4509 volte

Share |
di Fabio Baraldi. Il primo, più diretto passaggio fra la fotografia colta al volo, diretta, definita anche straight photography e la fotografia ricostruita, allestita in ambiente controllato, definita anche staged, è lo STILL LIFE. Apparentemente questo fatto sembrerebbe sminuirla facendola apparire l'ABC della sala di posa. Il vero motivo per cui invece chi decide di passare dal cogliere e interpretare lo stato di fatto al ricrearlo in toto, preferendo un oggetto piuttosto che una persona, risiede nell'apparente maggiore semplicità nel confrontarsi con qualcosa di inanimato piuttosto che nel dover interagire con un soggetto come nel ritratto o nella fotografia di moda. Se da un certo punto di vista questo risulta essere vero, d'altro canto riuscire a interpretare e illuminare un oggetto, "rendendolo vivo", fa diventare la fotografia di still life uno dei generi fotografici in assoluto più sofisticati e con standard ormai estremamente elevati. Lo Still Life richiede un progetto, una riflessione, molta concentrazione e pazienza: osservare attentamente un oggetto, comprenderne le qualità migliori, le particolarità, in modo da farle risaltare tramite l'illuminazione e accorgimenti nella ripresa e composizione per trasformarlo infine in un soggetto. Questo genere di fotografia rappresenta spesso oggetti comuni e banali isolati dal loro essere quotidiano per farli divenire protagonisti assoluti della scena; quasi una finta realtà, ma reale per l'osservatore. E' praticamente una questione filosofica: "la capacità di sondare l'essenza delle cose e infondere vita anche agli oggetti più quotidiani". E' proprio da questo spirito che nascono gli still life migliori, quando il fotografo riesce a far parlare gli oggetti di se stessi, di quello che rappresentano, di quello che gli sta intorno. Forse in questo senso più che definire lo still life una prosecuzione della straight photography sarebbe più corretto definirlo un preludio alla fotografia di ritratto e moda. Un noto fotografo di moda, Giovanni Gastel, ha a suo tempo sostenuto: "un fotografo di still life può essere, generalmente, anche un fotografo di moda. Difficile il contrario". Fabio Barali
Share |
ImageNation Milan
ImageNation Milan - The New Aesthetics arriva a Milano  con una mostra internazionale presso la...
TTA a Milano
Continuano le presentazioni del TTA, TRAVEL TALES AWARD, di cui potete visionare tutte le storie pre...
ANTEPRIMA BIENNALE FOODPHOTOGRAPHY
L’ARTE DEL CIBO DAL TERRITORIO ALLA TAVOLA Il 31 ottobre 2021 alle ore 10.00 l’Associ...
IMMAGINI E PAROLE
IMMAGINI E PAROLE SABATO 20 NOVEMBRE ORE 13,30 / 14,30 Palazzo Reale - Sala Conferenze Piazza Du...
Praga photo 2021
  Siamo lieti di annunciare la nostra partecipazione alla XIII° edizione di Prague Photo...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
shooting teatro Nudo Artistico fotografia analogica leica webinar news Canon città calendario bianco sala posa jazz book isfci street
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13948 Utenti Registrati + 31642 Iscritti alla Newsletter
6932 News Inserite - 1851 Articoli Inseriti
2814 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate