Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food   www.esta-usa-visto.it/              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Recensioni libri » Scheda Articolo

Scaffale Libri 22
Autore: HF Distribuzione - Pubblicato il 31/01/11 - Categoria Recensioni libri
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 3641 volte

Share |


 La libreria - Lo scaffale di Febbraio 2011


Una città per raccontare

Dagli anni Cinquanta del Novecento al primo decennio del Duemila: in questo nuovo libro Gianni Berengo Gardin racconta mezzo secolo di storia attraverso gli ambienti e i volti che hanno segnato la vita milanese. In realtà la definizione è riduttiva. Infatti, subito dopo aver sfogliato per la prima volta il libro, si nota che il racconto proposto dal fotografo supera la stretta funzione di documentazione della vita di una città. I veri protagonisti di queste immagini sono le persone e le situazioni della vita quotidiana che sono raccontate, persone e situazioni che si muovono sullo sfondo di una grande città ma che  ci raccontano del cambiamento dei modi di vivere della nostra società all'interno delle trasformazioni che il paesaggio urbano ha subìto in mezzo secolo. Un affresco che supera i limiti locali per parlare in modo universale. I viaggi nel tempo che il libro ci offre l'occasione di fare sono molti. Una bottega semplice, negli anni Cinquanta, la panetteria di via Agnello, dove tra i filoni di pane campeggia ancora un ritratto di Giuseppe Verdi che ne era stato frequentatore e, negli anni Settanta post boom economico,  i negozi di lusso di Via Montenapoleone. I carbonai negli anni Cinquanta, il lavoro degli operai nelle grandi fabbriche metalmeccaniche fino agli anni Settanta e, nel Duemila, gli addetti alla demolizione al lavoro nei capannoni ormai vuoti delle acciaierie Falck. Gli emigranti che ancora negli anni Settanta affollavano i marciapiedi della Stazione Centrale e, nel Duemila, il posto di polizia dove sono ad attendere gli immigrati. I casermoni della periferia in costruzione negli anni Settanta e, nel Duemila, gli scavi nei quartieri centrali per la costruzione dei grattacieli che modificheranno il volto della città del futuro. Il gioco potrebbe continuare e costituisce uno degli aspetti interessanti del libro. Poi, davanti a ogni foto c'è il piacere di apprezzare la capacità di raccontare, segno distintivo dello stile fotografico di Gianni Berengo Gardin. Qualsiasi sia il suo oggetto, la fotografia di Berengo Gardin è sempre curiosa, indagatrice, esploratrice, mai scontata: è una fotografia che possiede ancora lo "stupore" dell'immagine..



Fotogrammi di una vita

Uno scritto introduttivo di Arturo Carlo Quintavalle e le foto a colori di Giuliana Traverso incorniciano l'autobiografia di Lanfranco Colombo, uno dei protagonisti della fotografia italiana e soprattutto della diffusione della fotografia in Italia. Dal 1966 è direttore della rivista Popular Photography Italiana; l'anno seguente apre a Milano "Il Diaframma", la prima galleria dedicata esclusivamente alla fotografia, organizza mostre e incontra i più importanti fotografi della scena internazionale. In queste pagine Lanfranco Colombo racconta in brevi capitoli le tappe fondamentali che lo hanno portato poi a occuparsi di fotografia. Tra i capitoli autobiografici e le fotografie di Giuliana Traverso che lo ritraggono in vari luoghi e momenti, sono inserite le testimonianze dei collaboratori e amici. “Nel corso della mia vita ho visto molti luoghi, inseguito molte passioni, realizzato molti sogni e conosciuto moltissime persone. Ripercorrendo ora gli anni con la memoria, scopro che non è difficile per me ricordare e raccontare quello che accadde, perché tutto quello che ho fatto allora è come se lo avessi appena vissuto. Ogni viso, ogni scoperta, ogni emozione, è presente come in uno specchio, lo specchio della mia memoria. E in me è nato il desiderio di scrivere questi ricordi come dono a quanti mi hanno conosciuto e hanno condiviso con mela grande passione per la Fotografia.”


Share |
Cities 6
Cities 6 è in uscita a fine marzo 2020! oltre a poter ordinare copie del magazine sono dis...
CITIES INSIDE
rilanciamo volentieri una nuova iniziativa del nostro partner Isp; una call gratuita per progetti ch...
17 Graffi. Piazza Fontana 50°
Nel cinquantesimo anniversario di quella che fu una delle pagine più drammatiche della storia...
Corigliano Calabro Fotografia Book Award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020, fissato in via definitiva da...
News dai Festival
riteniamo utile per chi si interessa di Fotografia un memo sui riposizionamenti in corso dei princip...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
09 Ottobre 2020         a Città di Castello   (Perugia)
WORKSHOP FOTOGRAFIA COLLODIO UMIDO + CARTA SALATA A CITTÀ DI CASTELLO, VALTIBERINA, UMBRIA, 9..[continua]
28 Ottobre 2020         a Catania   (Catania)
n Photo Workshop multitematico e “On The Road” con sessioni di scatti sulle bellezze architettoniche..[continua]
05 Novembre 2020         a Subbiano   (Arezzo)
Workshop di fotografia in Toscana dal 5 al 8 Novembre 2020 – massimo 10 partecipanti quota di part..[continua]

  Popular Tags  
Modelle installazione biennale fotografia contemporanea Capture One 6.2 marco carulli mariateresa cerretelli sport mostra progetto stylist fotografia eventi fotografica exhibition bandi
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13892 Utenti Registrati + 23312 Iscritti alla Newsletter
6878 News Inserite - 1838 Articoli Inseriti
2810 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate