Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Mostre » Scheda Articolo

Cheyco Leidmann da Epson Photo Expert, Parigi
Autore: Capodieci Massimo - Pubblicato il 02/03/11 - Categoria Mostre
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 5876 volte

Share |


CHEYCO LEIDMANN: Artista, guru dell'arte visuale.
Il suo stile, agli inizi associato al glam rock, è caratterizzato da colori incisivi e dall'estetica sexy e provocante, in continua evoluzione. Il suo messaggio é diventato piu' politico, di denuncia, parla della durezza della vita, delle difficolta' del quotidiano e degli eccessi che si banalizzano sempre di piu'.
Predecessore di tendenze artistiche di modi e di mode spesso copiato e timidamente clonato ma mai eguagliato. Molto  di  tutto cio' che ci circonda in termini d'arte visuale contemporanea come anche di immagini associate alla pubblicita' alla moda sono il frutto del suo universo immaginario.
Personaggio emblematico di un'epoca e di quando internet non esisteva ancora e che è riuscito a fare in linguaggio attuale un tale  "buzz" con il suo best seller "Foxy Lady" venduto a piu' di 100.000 copie e pubblicato sin'ora 5 volte (definito dal Vogue francese come oggetto di culto delle ultime 5 decadi). Discreto e meticoloso CHEYCO LEIDMANN accompagnato dalla sua produttrice e direttrice artistica YPSITYLLA VON NAZARETH amplifica nei minimi dettagli tutto cio' che osserva; tutto é premeditato, nulla é lasciato al caso e le immagini da essi prodotte sono una lunga riflessione filosofica prima e di preparazione dopo.  
L'artista dalle otto monografie presenta a Parigi da Epson Photo Expert il suo ultimo lavoro intitolato « appotycma »:termine nato dalla fusione di "Apollonio da Ticma" e che fa riferimento alla filosofia e al misticismo. Epson photo expert ospita la mostra dal 1 marzo  al 30 aprile 2011.
Entrata libera.



Massimo Capodieci

EPSON PHOTO EXPERT
76, Boulevard Beaumarchais 
75011 Paris
www.photoexpert.fr

Cheyco Leidmann ,intervista.

1 - Qual è la tua definizione di "visualism Toxytt"?

Ho immaginato un progetto molto realista e che ho intensamente sviluppato per anni. Si tratta di un lavoro radicalmente femminista dove la bellezza non ha luogo di esistere. Ho completamente azzerato i codici precedenti. I temi trattati sono fluttuanti e si incrociano tra di loro. Lasciami descrivere uno di essi: si tratta  della morale, dell'esclusione individuale. Io ho incontrato e trascorso molto tempo con gente al margine della societa'. Ho visto le loro paure ,spinti verso la rabbia e l'aggressione.
Ho visto i loro occhi e il buio che eprimono. Cio è una testimonianza di temi contemporanei quali la violenza, l'ossessione, il sesso compromesso alla bellezza e la lotta alla sopravvivenza di ogni giorno. Io ho provato in un modo poco sentimentale d'esplorare la psicologia di queste persone dalla diverse radici etniche dai background piu' disparati, provenienti dai gradini più bassi della societa'.
Il paesaggio urbano è spesso duro, a volte come sulla scia di un uragano dopo il suo passaggio o dopo un incendio. L'insieme di questi problemi sono gli ingredienti devastanti  che definiscono  *visualism Toxytt*.


2 - Da dove prendi l'ispirazione?


Dalla strada che non dorme mai e che è molto esigente che ti mette in allerta é in continuo fermento. Anche se ci si riduce a luoghi comuni. Alcuni esempi:Manhattan è più una situazione bizzarra mordi e fuggi (turismo di massa) diversamente da Long Island dove la gente é diversa, piu' calma, per passare poi alle notti insonni di migliaia di pendolari notturni che invadono le strade ad esempio di Miami Beach che trascorrono il loro tempo attraverso un centinaio di discoteche e altre attivita'  in promiscuita' con le molestie, la criminalità con la povertà della gente sfortunata, sdraiati a dormire per strada esposti alle paure alle intimidazioni e l'odio e con  questo miscuglio particolare tra l'isolamento e l'eccitazione senza pietà  di sguardi che  spaventano anche i più temerari. Lavorare in questo ambiente da anni come ho fatto per "TOXYTT" è un impegno conseguente nella mia dichiarazione a una nuova realtà .


3 - Pensi di esprimere il tuo subconscio attraverso le tue opere?


 Il mio subconscio è il contrasto tra incubi reali e "teatralita' acida". Il legame di entrambi è spirituale. Questo è molto importante per me. La spiritualità non è la religione, non é la new age, né alcuna altra credenza alternativa. Il sacro mente in materia  di vera preoccupazione per cio' che riguarda il rapporto alla vita.


4 - Svolgi il tuo lavoro soprattutto negli Stati Uniti. Quali sono gli ingredienti tipici americani che ti
permettono di svolgere il tuo lavoro? Qual'è il punto in comune tra la tua arte a gli Stati Uniti?

Non ci sono ingredienti tipici in quanto gli esseri umani con cui lavoro non sono né oggetti, né cose. La sofferenza non è limitato ad un territorio determinato é globale. Non c'è nulla di specifico a gli Stati uniti. Non esiste alcuna categoria per classificare il mio lavoro. Non é cosi' che voglio essere visto o ricordato.Il mio lavoro è più multidimensionale.


5 - Che cosa significa *appotycma*?

* Appotycma * è l'acronimo di Apollonio di Tycma. Una storia di mysticismo. Io vedo un legame a molte mie nuove immagini presentate in questa mostra. Usando come arma i miei occhi e le frontiere come bersaglio.
(Cheyco Leidmann é stato aggredito piu' volte lungo la sua carriera e nel 2009 dopo una violenta disputa é stato ospedalizzato in  coma con profonde ferite.)


6 - In in *appotycma* alcuni elementi come gli uccelli appaiono con una certa frequenza, che cosa
rappresentano?

Il tipo di elementi nelle mie immagini sono a volte ambigui, simbolici, ma non sintomatici.
Essi dovrebbero contribuire a interrogare l'interlocutore ,allontanarlo da facili riflessi istintivi da facili spiegazioni.Una vera definizione di oggetto non esiste. Quello che io spesso rappresento nasconde un dramma. visualizzo la realtà, problemi e dubbi in un altri contesti e in spazi piu' aperti.


7-Con *appotycma* ,appaiono  nuove rappresentazioni che possono essere considerate come "nature morte", mostrano volti e dettagli corporali di donne nati dai rifiuti, che sono piu' astratte rispetto ad altre composizioni della stessa mostra. Si tratta di una riuscita realizzazione del tuo lavoro? Qual è il messaggio? Nei tuoi lavori precedenti, è messo in scena il corpo della donna. Che considerazione hai per i dettagli femminili?


Questo è un equivoco. Ho articolato in maniera ultra realistica, sceneggiato e diretto, un radicale stile femminista che non richiede la bellezza. Estraggo la perversione fuori dalla psiche  piu'profonda, ho eliminato dettagli senza senso e manifestato l'abisso come normale. Le protagoniste si esprimono in modo emotivo, possono esprimere  le loro reazioni e la loro personalità. Cerco di mettere in scena un teatro astratto dal tempo con il mio senso di liberta'. Questo succede quando do' forma alla  mia missione per trasformarla in attenzione.


8 - Tu vivi tra gli Stati Uniti e Parigi. In che modo Parigi influenza il tuo lavoro?

Sono piuttosto una persona cosmopolita, un reietto nomade.Io vivo in un pianeta alieno aspro come in una lingua straniera. Il filo conduttore per la mia ispirazione interiore nasce dall'influenza di:
Donna con tre occhi di Picasso,
Orologi in fusione di Dalì,
Il gabinetto del Dr.Caligaris,
I diavoli di Ken Russel.

L'arco di un giorno, le vibrazioni multiculturali e la concentrazione unica e intensa d'arte a Parigi ti forma.


9 - ti consideri come un "artista visivo". Dov'è il confine tra artista visivo e fotografo?


Non mi categorizzare. Tuttavia la fotografia svolge un ruolo importante come strumento di ottica nel mio universo visuale. Ma non é l'unico. La mia  carriera attraversa i confini tradizionalmente pittorici come altri mezzi quali i film,che riempiono la mia carriera e la mia immaginazione. Ho attraversato diverse discipline come il cinema, la sceneggiatura,le performances e la follia del marketing. Non c'é nessun confine tra opera d'arte e immagine se non il messaggio che vuole trasmettere.

Intervista realizzata da Caroline Gautron traduzione di Massimo Capodieci.

Share |
vincitore CCF book award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020 18a edizione   previsto ...
Iscrizioni aperte a URBAN Photo Awards 2021!
Bruce Gilden presidente della giuria In palio un montepremi del valore di 23.000 € e mostre al Trie...
TRAVEL TALES AWARD
In un momento storico in cui  i Fotografi hanno dovuto forzatamente chiudere le valigie in cant...
Journey to the Lowlands vince l’URBAN Book Award 2020
La fotografa modenese Valeria Sacchetti con il progetto Journey to the Lowlands è la vincitri...
DREAMLANDS
In partenza la nuova iniziativa di  Isp, che in collaborazione con Photographers.it  propo...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
spiaggia manfrotto Polaroid beauty rassegne riflessioni libro fotografico museo europa studio fotolia bortolozzo webinar Photographers Days riflessi design
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13904 Utenti Registrati + 29269 Iscritti alla Newsletter
6884 News Inserite - 1847 Articoli Inseriti
2814 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate