Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP   www.esta-usa-visto.it/              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Recensioni prodotti » Scheda Articolo

Elogio della compatta e Olympus
Autore: Professore - Pubblicato il 19/04/11 - Categoria Recensioni prodotti
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 3852 volte

Share |

Il luogo comune più topos retorico si può paragonarlo a ripostiglio: ci sta bene ogni cosa, anche se il disordine e il suo Dioscuro ordine appartengono a diversa categoria dell’anima, non meno comune di quello.

Con la venuta del digitale, veniamo al dunque, almeno l’inizio è successo un pandemonio. Scombussolamento che ha visto la messa in mora del fotografo, il suo modo d’essere e tutto quanto gli gira intorno. Così la ripresa, poi lo sviluppo ed infine la stampa, la trinità evapora da un giorno all’altro.

Era digitale binaria. Ma non c’è rivoluzione senza statu quo. E così il ritornato il sereno tran tran comune, questi altro non vuole che l’esatto calco di ciò che già cera (senza elisione). Meno male che al binario reflex corre, da tempo, l’altrettanto celere fatto di compatte che spesso travasa da questa a quella più “tecnologia” di quanto s’immagina. Anzi, alcune compatte hanno segnato pietra miliare. Come le Camedia della divina, poiché l’ha preso dall’empireo greco, Olympus veri e propri strumenti. Efficacissimi come la C 5050 e del suo ineguagliato (equivalente) 35 f 1,8.   Pur con sensore da 1/8 di pollice, e di una lentezza operativa al limite del masochismo, malgrado tutto dai file irreprensibili. Incisi alla Zeiss nella carne del silicio come non mai. Sempre anche quando in luce, già a fatica a vedersi, compie l’arcano di restituire le nuance del soggetto ripreso. Magie numeriche, binaria fantasia che mai la chimica molecolare a base argentea avrebbe solo immaginato: altro che HP5 e Tri-X. Robetta. Colori essenze sfumature e grana, meglio rumore elettronico o l’anglo noise, che marca un territorio. Uno stile.  Si fa racconto pur con i suoi limitati 400 ISO/ASA tant’è che l’italico reporter Alex Majoli * della mitica agenzia Magnum ci ha preso premio: The best of photojournalist 2004. Come dire: “Ipse dixit”.

Lunga vita alla C 5050, olimpica “compatta”. E se il re è morto (fuori produzione) bhe viva il re! Incarnato nell’altrettanto portentosa X1 di casa Olympus.

Ps. Sebbene più elegante nella forma, non meno che la sostanza, anche la C 5060 WZ dalla macro stratosferica, s’accompagna al precedente modello nella leggenda olimpica.

*

Share |
Alex Webb e Rebecca Norris Webb presiederanno la giuria di URBAN 2020
Cominciamo il 2020 con una news clamorosa: siamo orgogliosi di annunciare che Alex Webb e Rebecca No...
BIENNALE DELLA FOTOGRAFIA FEMMINILE
A causa delle ordinanze locali la Biennale è rimandata a date da definire  Mantova os...
17 Graffi. Piazza Fontana 50°
Nel cinquantesimo anniversario di quella che fu una delle pagine più drammatiche della storia...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
15 Maggio 2020         a Massarosa   (Lucca)
Un fine settimana intenso e divertente per esplorare l’interazione tra fotografo e soggetto e impara..[continua]
18 Luglio 2020         a KIRGHIZISTAN   (Lecco)
workshop - viaggio fotografico con il fotografo Pensotti Stefano nel Pamir Reportage, paesaggio, str..[continua]

  Popular Tags  
scultura tradizione tecnica ombre mirrorless vita donne riflessioni foto fotolibro biennale fotografi ricerca evento mostra luoghi
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13879 Utenti Registrati + 16978 Iscritti alla Newsletter
6853 News Inserite - 1835 Articoli Inseriti
2810 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate