Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP   www.esta-usa-visto.it/              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Immagini » Ricerca » Scheda Progetto

Habitat. Frammenti di pensiero urbano.
Autore: Leonardo Muscas - Pubblicato il 03/06/10 - Categoria Ricerca
Habitat. Frammenti di pensiero urbano.

Habitat, termine latino che nell’uso comune utilizziamo per indicare l’ambiente che ci circonda. In senso proprio individua il luogo fisico abitato dalla “popolazione di una specie” – qui quella umana – ma in questo lavoro vuole significare anche uno spazio mentale. Un possibile spazio mentale che nasce dall’incontro tra le offerte visive della realtà apparente e i contenuti immaginifici di chi con questa si rapporta.

Guardandomi intorno ho visto un contesto urbano in cui le vetrine mescolano riflessi e trasparenze creando immagini altrimenti inesistenti. E muri dove i manifesti si sovrappongono in maniera casuale e, con una opportuna inquadratura di inclusione ed esclusione, si prestano a trasformare due pubblicità distinte in una terza improbabile ove una seducente donna gatto fa da testimonial alla sezione femminile della Croce Rossa. Altrove, una sottile striscia di carta ripete sul muro il colore del cielo, un divieto d’accesso accende un lampione e un bus mostra la nuca di un passeggero dietro la reclame di un vino. Lo sguardo verso il basso: asfalti bagnati, segnaletica stradale e ruote d’auto si accordano per foto di gruppo mentre un arcobaleno d’olio posa solitario.
L’approccio, però, non è sempre lo stesso. A volte lo sguardo sorride, pare notare qualcosa di bizzarro, nei graffiti, magari, o in alcuni manifesti, sovrapposti o tagliati da dolose inquadrature. Altre volte, invece, si rivolge straniante verso immagini che dicono “altro” ma non si sa bene cosa: la forma e il colore fattori di un portato emozionale proprio?

Il filo conduttore del contesto cittadino lega tutte le visioni.

Perché allora non chiamare questa raccolta “frammenti del paesaggio urbano”? Anche questo sarebbe un titolo possibile. Ma l’habitat – lo spazio mentale prima che fisico, dove vivono quelle anime che si rapportano al mondo con il meraviglioso mezzo fotografico, che pare vincolare alla realtà oggettiva ma poi riconduce a quella interiore – ci porta a vedere (pensare) un frammento di città in una immagine che città non è: l’ultima foto della serie, che forse la chiude e forse ne apre una prossima.

(Leonardo Muscas)

P.S. Le dodici immagini qui pubblicate sono un estratto di una ricerca più ampia. Il testo fa alcuni riferimenti anche a foto non comprese in questa sintesi ma riscontrabili nella versione estesa, che potete vedere a questo indirizzo: http://www.artvisual.tv/profili/autore_leonardo-muscas.html

Questo progetto non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 14560 volte

Share |

Share |
BIENNALE DELLA FOTOGRAFIA FEMMINILE
A marzo 2020 Mantova ospiterà la prima edizione della BIENNALE DELLA FOTOGRAFIA FEMMINILE, id...
17 Graffi. Piazza Fontana 50°
Nel cinquantesimo anniversario di quella che fu una delle pagine più drammatiche della storia...
Alex Webb e Rebecca Norris Webb presiederanno la giuria di URBAN 2020
Cominciamo il 2020 con una news clamorosa: siamo orgogliosi di annunciare che Alex Webb e Rebecca No...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
18 Luglio 2020         a KIRGHIZISTAN   (Lecco)
workshop - viaggio fotografico con il fotografo Pensotti Stefano nel Pamir Reportage, paesaggio, str..[continua]

  Popular Tags  
Cuba mostra collettiva workshop model toscana b/n reflex street piemonte città paesaggi Color stylist portraits ambiente fotografi
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13878 Utenti Registrati + 16931 Iscritti alla Newsletter
6852 News Inserite - 1835 Articoli Inseriti
2810 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate