Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi www.esta-usa-visto.it/   ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Immagini » Reportage » Scheda Progetto

"Lavoratori di Sale"
Autore: Matteo Bertolino - Pubblicato il 10/07/10 - Categoria Reportage
Colchani (Dipartimento di Potosi’, Bolivia) è un villaggio di circa 600 abitanti che vive di sale e nel sale, ubicato a 3.650 metri sul livello del mare, sulle rive del “Salare di Tunupa”, il deserto di sale più grande del mondo: 10.582 Km quadrati di puro sale, un deserto sconfinato, tanto bianco quanto surreale.
Ciò che da immemorabile tempo si estrae a Colchani è il sale, elemento fondamentale dell’economia e della cultura della regione di Uyuni, ieri come oggi. Ancora viene estratto in forma completamente manuale, ed è destinato al consumo interno. Pressoché l’intera popolazione del villaggio di Colchani vive esclusivamente in funzione del sale, articolata in un’unica cooperativa dedita all’estrazione e alla trasformazione. Uomini, donne e bambini, da generazioni, vivono immersi sotto una coltre bianca luminosissima, dal riverbero accecante, come la neve che ricopre le case d’inverno in alta montagna.
Estrarre e lavorare il sale è un mestiere durissimo. Per circa 10 boliviani all’ora (1.20 centesimi di €, questo il “salario”) uomini e donne, caricano e scaricano tonnellate di sale, continuamente fanno e disfano caratteristiche montagnole, pala, carriole e picconi i più fedeli compagni di lavoro. Il sale brucia gli occhi, le mani, il riverbero nelle ore centrali della giornata diventa quasi insopportabile; i volti dei lavoratori sono coperti da passamontagna, gli occhi da lenti scure, le mani da guanti.
Il sale rappresenta un ingrediente identitario fondamentale a Colchani. Generazioni di lavoratori di sale, immersi in una fonte smisurata ed inesauribile di cristallo, lavorano instancabilmente - perennemente imprigionati tra il bianco accecante del Salare ed il profondo blu del cielo sovrastante - dediti a questo lavoro così poco redditizio: non si potrà in questo caso forse parlare di “oro bianco”, ma senza dubbio di un tesoro unico, di incomparabile valore non solamente estetico ma soprattutto culturale e spirituale, splendido regalo della Pachamama.
------------------
Il reportage completo si compone di 26 immagini
Gradimento: Fantastico
Questa pagina è stata visitata 10816 volte

Share |

   
Share |
100 PAROLE X 100 FOTOGRAFI
100 PAROLE X 100 FOTOGRAFI MAPPE DI COMUNICAZIONE CONTEMPORANEA call attiva fino a metà l...
2° Corigliano Calabro Fotografia Book Award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020, l’associazione Corigliano p...
Cities 6
Cities 6 è in uscita a fine marzo 2020! oltre a poter ordinare copie del magazine sono dis...
URBAN 2020 Photo Awards
Al via URBAN 2020 Photo Awards! In giuria Alex Webb e Rebecca Norris Web Sono ufficialmente le is...
News dai Festival
riteniamo utile per chi si interessa di Fotografia un memo sui riposizionamenti in corso dei princip...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
18 Luglio 2020         a KIRGHIZISTAN   (Lecco)
workshop - viaggio fotografico con il fotografo Pensotti Stefano nel Pamir Reportage, paesaggio, str..[continua]

  Popular Tags  
gitzo shooting arti visive pittura Inverno italia matera Hasselblad salento fine art sconti travel esposizione video jazz fiori
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13900 Utenti Registrati + 21645 Iscritti alla Newsletter
6873 News Inserite - 1843 Articoli Inseriti
2811 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate