Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi www.esta-usa-visto.it/   Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Immagini » Fine Art » Scheda Progetto

Nepal
Autore: Daniele Gussago - Pubblicato il 19/11/16 - Categoria Fine Art
Un viaggio in Nepal alla scoperta di una cultura millenaria che trae la sua forza da un ambiente naturale unico, la catena dell'Himalaya. Accostare l'opera dell'Uomo a quella della Natura per celebrare una spiritualità genuina, autentica, senza le sovrastrutture delle religioni complete e compiute che spesso perdono di vista la loro stessa origine. Questo percorso iniziato a Kathmandu e proseguito nella valle del Khumbu fino alla base dell'Everest è un continuo rimando alla vita interiore usando come chiave d'accesso la Natura in una delle sue più imponenti espressioni. La cultura nepalese e tibetana ha un approccio contemplativo alle grandi montagne. Alla domanda perché vuole scalare l'Everest George Mallory rispose con l'oramai famosa frase “Perché è lì”. In questa semplice risposta c'è l'abisso di differenza tra la nostra e la loro cultura. Non a caso altre montagne nepalesi e tibetane sono dichiaratamente chiuse all'alpinismo in quanto sacre. Una decisione per salvaguardare una identità culturale.

Queste fotografie sono state ottenute da negativi bianconero di medio e grande formato. Questa modalità non ha solo aspetti tecnici strettamente legati alla qualità delle immagini. Ha anche un'importanza più intima. La necessità di una grande cura nell'inquadratura, il tempo necessario per lo studio e il calcolo dell'esposizione richiede un rapporto prolungato con il soggetto, la valutazione della luce e, se necessaria, una lunga attesa. L'assenza di ogni automatismo elettronico riporta l'atto fotografico ad una dimensione più "contemplativa" in contrapposizione alla velocità e superficialità caratteristiche del mondo moderno e quindi più affine all'ambiente naturale e culturale in cui si opera.

La modalità espositiva è quindi il dittico, l'opera della Natura e l'opera dell'Uomo in un dialogo continuo, pacifico e intimo.

Questa mostra, composta da oltre 50 immagini stampate a ingranditore su carta baritata e con viraggio al Selenio, è stata esposta presso la galleria Wavephotogallery di Brescia.

http://www.danielegussago.it/un-viaggio-in-nepal/

Questo progetto non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 7033 volte

Share |

Share |
Cities 6
Cities 6 è in uscita a fine marzo 2020! oltre a poter ordinare copie del magazine sono dis...
100 PAROLE X 100 FOTOGRAFI esempi
attiva fino a fine giugno la call per aderire a questo grande progetto, 100 PAROLE X 100 FOTOGRAF...
2° Corigliano Calabro Fotografia Book Award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020, l’associazione Corigliano p...
News dai Festival
riteniamo utile per chi si interessa di Fotografia un memo sui riposizionamenti in corso dei princip...
URBAN 2020 Photo Awards
Al via URBAN 2020 Photo Awards! In giuria Alex Webb e Rebecca Norris Web Sono ufficialmente le is...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
18 Luglio 2020         a KIRGHIZISTAN   (Lecco)
workshop - viaggio fotografico con il fotografo Pensotti Stefano nel Pamir Reportage, paesaggio, str..[continua]

  Popular Tags  
Fujifilm lavoro ricerca performance fotografo workshop fotografico base MIA fair HDR palermo religione maggio uomo smartphone tradizione photoshop
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13900 Utenti Registrati + 21245 Iscritti alla Newsletter
6872 News Inserite - 1842 Articoli Inseriti
2811 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate