Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi www.esta-usa-visto.it/   Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Immagini » Architettura » Scheda Progetto

Trash in Italy an unusual italian landscape
Autore: elisaimages - Pubblicato il 16/01/20 - Categoria Architettura
Trash in Italy an unusual italian landscape

Credo di essere stato tra i primi a vedere le foto di Elisa e Andrea. Vedere? Meglio sarebbe dire leggere, Masticare, sognare, toccare con mano la loro alterità visionaria. Una sensazione cui tutto è naturalmente curioso, intelligentemente furioso, civilmente ringhioso. Questa Italia, cosi lontana dall’immagine oleografica che conosciamo, rimanda un’amara rappresentazione dell’uomo, distratto e assorto, alla mercé di forze che non vede e, proprio per questo, non osteggia. E quando le vede è troppo tardi, perché nel frattempo per il dispiacere dei suoi occhi han costruito quello che con un brutto ma efficace neologismo chiamiamo “ecomostro”. Nell’eterna sfida tra Uomo e Antiuomo, i due fotografi mettono tra parentesi il primo per evocare il secondo, l’unico capace di distruggere se stesso e quanto di di buono è riuscito a fare. E’ lo stesso essere che inserisce un serpente d’asfalto dentro un’area archeologica, quasi voglia, letteralmente mettere “pietra e bitume” sul proprio passato. Elisa e Andrea non indulgono alla nostalgia, al "com’era prima” ma con queste immagini negano con forza le strade,  i viadotti, gli edifici che attraversano una necropoli o sorgono su uno scoglio, facendosi sfregio, ferita lanciante.
Il discorso è chiaro, lineare e coerente, poesia in cui ogni parola (ogni immagine) è scagliata con rabbiosa grazia, abile inventiva, polemica verve. La denuncia è esplicita, seppur mediata dalla ricerca costante e appassionata del risultato artistico. E la “politica” c’è, totalmente inconsapevole, ma c’è, in questa poesia visuale che  dispensando amarezza a dosi massicce, tenta di arrivare dritta al cuore e alla coscienza per strappare un grido di dolore, un urlo solidale. Di fronte a queste foto nasce un moto di incredulità ( com’è possibile tutto questo?), e sul volto si disegna una smorfia deformante quasi a stabilire un rapporto simbiotico con quel povero paesaggio offeso e, appunto, deformato. Scuotendoci n modo brusco dal torpore, queste immagini da vedere e rivedere, da masticare e rimasticare, da sognare e risognare, ci invitano a fare qualcosa prima che il mostro di cemento devasti anche l’ecologia della nostra anima. 


Testo Di Pino Fondati
Progetto fotografico di Elsa Scaramuzzino e Andrea Pavesi

Questo progetto non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 2239 volte

Share |

Share |
CITIES INSIDE
rilanciamo volentieri una nuova iniziativa del nostro partner Isp; una call gratuita per progetti ch...
17 Graffi. Piazza Fontana 50°
Nel cinquantesimo anniversario di quella che fu una delle pagine più drammatiche della storia...
Cities 6
Cities 6 è in uscita a fine marzo 2020! oltre a poter ordinare copie del magazine sono dis...
News dai Festival
riteniamo utile per chi si interessa di Fotografia un memo sui riposizionamenti in corso dei princip...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
13 Settembre 2020         a VIETNAM   (Lecco)
workshop - viaggio fotografico con il fotografo Pensotti Stefano nel vIETNAM Reportage, paesaggio, s..[continua]

  Popular Tags  
london onnik corso ritratto Calabria nudo selezione fotogiornalismo Corpo corso di fotografia Hasselblad contemporanea ambiente Amsterdam gitzo Gianni Berengo Gardin
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13900 Utenti Registrati + 22371 Iscritti alla Newsletter
6877 News Inserite - 1845 Articoli Inseriti
2811 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate