Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   www.esta-usa-visto.it/   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

News » Mostre » Scheda News

Mostra Collettiva Con gli occhi di un bambino – Fototeca Le Gru 2018
Autore: Galleria FIAF - LE GRU - Pubblicato il 13/02/18 - Categoria Mostre
Gradimento: Molto Interessante
Questa pagina è stata visitata 995 volte

Share |

Venerdì 16 febbraio 2018 alle ore 20,30 sarà inaugurata la mostra fotografica collettiva  dal titolo “Con gli occhi di un bambino – Fototeca Le Gru 2018”  presso la Galleria FIAF - Le Gru (Corso Vitt. Emanuele, 214) di Valverde (CT).

La mostra si compone di immagini d’archivio provenienti dalla fototeca Le Gru che conta oltre 1600 fotografie di 1000 autori diversi, che spaziano dai nostri soci, a fotografi di calibro internazionale come Nino Migliori, Piergiorgio Branzi, Francesco Cito, Giuliana Traverso, Pepi Merisio e tanti altri; la stessa sarà presentata da Ferdinando Portuese, presidente del G. F. Le Gru, da Serena Vasta, direttrice della Galleria FIAF e dal critico fotografico Pippo Pappalardo. Resterà aperta fino al 6 aprile 2018 e si potrà visitare tutti i mercoledì e i venerdì dalle ore 20,00 alle ore 22,00.

La mostra: Con gli occhi di un bambino

Serena scruta tra le immagini della Fototeca de “Le Gru” e costata una ricorrente presenza tematica, l’infanzia, e, con essa, il volto dei bambini, dei ragazzini, dei futuri uomini, delle future donne.

L’argomento c’è sempre stato, ma, invero, ci fu un momento in cui la presenza di un bambino o di una bambina fu (solo) strumentale all’immagine realizzata, e che, poi, sarebbe confluita in un’altra tematica. Allora apparve più utile parlare di disagio ambientale, familiare, politico; apparve più importante  la necessità di utilizzare i loro volti per denunciare il malessere, l’allarme sociale, il pericolo di una crescita maturata contro i loro desideri e le loro aspirazioni. Oggi Serena, ritornando su quelle immagini, non vede solo i problemi che quelle fotografie sottolineavano ma “vede” fondamentalmente i bambini e con naturalezza e serenità domanda ai loro volti ed alle loro presenze: “acchè tante facelle?” (Leopardi). La domanda potrebbe apparire imbarazzante: li abbiamo ritratti noi quei bambini, li abbiamo benvoluti; ma dove stanno adesso, come prosegue la loro crescita? Con e in quegli scatti ci avevano aiutato a capire qualcosa della vita; ed adesso? Son diventati vecchi come noi, o ci rammentano che i bambini saranno sempre con noi per ricordarci che ogni uomo ha la necessità di fidarsi dell’altro uomo, e con lui convivere?Questa considerazione mi fa ricordare il brano evangelico laddove Gesù ringrazia il Padre per aver rivelato “queste cose ai piccoli”. Come dire: “meno male che le hai rivelate loro; i grandi non avrebbero capito niente, oppure avrebbero perduto la fede e il coraggio”. I bambini no: quando invocano “aiuto” lo fanno con sincerità e quando dicono una bugia spesso sono spinti dalla paura. La loro povertà è evangelica perché è il naturale riconoscimento di uno stato di bisogno. Sanno sempre che, alla fine, la gratitudine sarà l’ultimo gradino per giungere alla comunione. Ma, loro, sanno già che lì occorrerà arrivare. Ed allora queste immagini ci rivelano che tutto l’universo vive una sua infanzia e, pertanto, in ogni immagine occorre cercare il bambino che vi è nascosto. La mie parole potrebbero sembrare una giustificazione per fotografie facili da realizzare e collezionare: voi sapete che non è vero. I bambini si muovono, si sottraggono, si confondono, si ribellano, si rifiutano e, soprattutto, vi danno sempre una ragione plausibile del loro comportamento.

Queste fotografie, se viste in questa prospettiva, vi daranno contezza di quelle ragioni e vi spiegheranno la profonda verità contenute nel comandamento “sinite parvulos”.

Espongono: Stefania Adami - Virgilio Bardossi  - Cristina Bartolozzi - Paolo Bigini - Mario Cattaneo  - Francesco Cito - Rinaldo Della Vite  - Morena Fammoni - Luisa Ferrari - Cristina Garzone - Giuseppe Leone - Antonio Manta - Pepi Merisio  - Gianni Pistarà  - Franca Schininà - Giuseppe Tomelleri e Wanda Tucci Caselli.

                                                                                  (Pippo Pappalardo - Docente e critico fotografico)

 

Share |
Cities da Officine Fotografiche 11/12
Cities numero 4 in arrivo! Cities, speciale Back to the Past in partenza! Le strade di Cities si...
Marzia Gamba - I like food better than people
Dal 24 novembre 2018 al 5 maggio 2019 l’Art Hotel Commercianti, nel cuore medievale di Bologna...
Arezzo&Fotografia
Arezzo&Fotografia torna dal 30 novembre al 16 dicembre 2018: il festival internazionale di fotog...
Ritratti Scomposti da Spazio Tadini
RITRATTI SCOMPOSTI A Cura di Federicapaola Capecchi e Angelo Cucchetto 20/21/22 dicembre 2018 Casa ...
Giovane Fotografia Italiana #07 - Call for proposals 2019
Nuove proposte e un respiro ancora più internazionale: sono queste le caratteristiche di Giov...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
29 Dicembre 2018         a LECCO   (Lecco)
GENNA, IL NATALE COPTO A LALIBELA VIAGGIO FOTOGRAFICO CONFERMATO - 2 POSTI DISPONIBILI viaggio fot..[continua]
18 Aprile 2019         a ERITREA   (Lecco)
workshop fotografico dedicato alla fotografia di reportage I partecipanti lavoreranno a ideazione, s..[continua]

  Popular Tags  
HDR mirrorless fotolia sardegna raffaella milandri onnik animali vacanze piemonte fotografo del mese Africa GRIN fotografia sociale Spazio Hasselblad Canon
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13747 Utenti Registrati + 12362 Iscritti alla Newsletter
6701 News Inserite - 1799 Articoli Inseriti
2800 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate