Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi www.esta-usa-visto.it/   Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

News » Mostre » Scheda News

La Luce dell'anima
Autore: fototeca-gilardi - Pubblicato il 10/05/11 - Categoria Mostre
Questa news non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 3225 volte

Share |
Ritratti di Ghitta Carell mostra a cura di Zsazsi Chaillet in collaborazione con Roberto Mutti; in esposizione dal 20 maggio al 26 giugno al Museo Nazionale Ungherese di Budapest. Inaugurazione il 20 maggio alle ore 15:00. Una preziosa testimonianza del lavoro della fotografa ungherese di origini ebraiche, straordinaria ritrattista che operò per molti anni in Italia. Abilissima nella rappresentazione dell’intimo dei suoi illustri soggetti, della loro anima, la faceva emergere costruendola lei stessa, creatrice del loro “look”, della loro “immagine” pubblica. Durante la sessione di ritratto, non solo sceglieva personalmente tra i loro abiti il più adatto alla ripresa ma suggeriva gli atteggiamenti, le pose; inoltre, antesignana del “fotoritocco” ne mitigava le sembianze,  correggendo l’immagine troppo cruda che ne restituiva l’obiettivo: operando pittograficamente sulla lastra negativa con mano esperta.

In Fototeca Gilardi si trova una sezione  importantissima dedicata a Ghitta Carell: custodisce una piccola quantità di lastre, di stampe originali e di oggetti personali “fotografici”, donati dalla stessa fotografa a Gilardi. Egli a cavallo tra gli anni Sessanta/Settanta, venne a conoscenza della stupefacente tecnica e notevole entità del  suo lavoro e appresa da lei stessa l’intenzione di cessare l’attività per trasferirsi in Israele  la appoggiò, nel realizzare il progetto di ritornare alla terra dei “Padri”, con l’aiutarla a promuovere la vendita delle sue immagini; egli valorizzò con sincero e caloroso entusiasmo le sue opere, anche presso altri esperti e i loro committenti. Così, gran parte delle sue meravigliose lastre fotografiche pittografate, fu acquistata da 3M:  le stampe di tali lastre si trovano alla Fondazione 3M. Zsazsi Chaillet ha concepito la mostra componendola di più livelli di lettura: una sezione raccoglie una scelta di stampe delle lastre che illustra una panoramica del suo lavoro in Italia, un’altra dedicata ai  ricordi personali e alla vita privata della fotografa, e una terza che documenta attraverso cinegiornali d’epoca e altro, come era percepito il suo lavoro fotografico nella società italiana del tempo.
Share |
BIENNALE DELLA FOTOGRAFIA FEMMINILE
A marzo 2020 Mantova ospiterà la prima edizione della BIENNALE DELLA FOTOGRAFIA FEMMINILE, id...
17 Graffi. Piazza Fontana 50°
Nel cinquantesimo anniversario di quella che fu una delle pagine più drammatiche della storia...
Alex Webb e Rebecca Norris Webb presiederanno la giuria di URBAN 2020
Cominciamo il 2020 con una news clamorosa: siamo orgogliosi di annunciare che Alex Webb e Rebecca No...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
18 Luglio 2020         a KIRGHIZISTAN   (Lecco)
workshop - viaggio fotografico con il fotografo Pensotti Stefano nel Pamir Reportage, paesaggio, str..[continua]

  Popular Tags  
concorso personale micamera anima seminario people milano Kodak fotoreporter esposizione creatività Parigi studenti file obiettivo reporter Photographers Days
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13878 Utenti Registrati + 16918 Iscritti alla Newsletter
6851 News Inserite - 1835 Articoli Inseriti
2809 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate