Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

News » Mostre » Scheda News

Le città ideali. Ipotesi per la città del futuro
Autore: Roberto Miglietta - Pubblicato il 19/03/14 - Categoria Mostre
Gradimento: Molto Interessante
Questa pagina è stata visitata 3535 volte

Share |
  Dal 21 Marzo 2014 al 10 Aprile 2014 in provincia di Firenze a Firenze
Presso Simultanea Spazi D'Arte, via San Zanobi 45 rosso.
inaugurazione il 21 marzo. fino al 10 aprile
 “Un uomo si propone il compito di disegnare il mondo. Nel corso degli anni popola uno spazio con immagini di province, di regni, di montagne, di baie, di navi, di isole, di pesci, di abitazioni, di strumenti, di astri, di cavalli e di persone. Poco prima di morire, scopre che questo paziente labirinto di linee traccia l’immagine del suo volto”. (J.L. Borges, L’artefice, 1963) Impossibile non pensare a uno dei testi sacri di Italo Calvino - Le città invisibili - ma fin troppe sono le traduzioni in immagini che vi si sono ispirate, perciò volendo circumnavigare il riferimento letterario, quanto proponiamo in questa mostra è un altro tipo di viaggio, più vicino alla realtà, seppur nel compito, e nello sguardo, trasfigurativo dell'arte. Una breve premessa storica è necessaria per chiarire le origini del concetto di “città ideale” che, nel corso del Rinascimento, indicava un luogo di incontro sociale, di organizzazione politica e di pianificazione economica. L’instaurazione dei regimi signorili e la riscoperta dei testi classici latini e greci furono le ragioni che ispirarono una nuova idea di città, in cui l’uomo era motore attivo di uno spazio concepito rispettando i criteri di razionalità, simmetria, ordine e bellezza. L’aspirazione ad una felice congiunzione tra uno Stato governato saggiamente e urbanisticamente organizzato secondo i principi della pura geometria sfociò quindi nel mito della “città ideale” intesa come simbolo della fiducia nell'essere umano e nella sua capacità di edificare. Le nostre città recano ancora oggi i segni di un passato che ha unito la ricerca del bello all'utilità dell’architettura, per offrire all'individuo una realtà che fosse riflesso di un’armonia insieme politica e sociale. E oggi? Qual è il volto della città ideale? Il presente ha trasformato la città in uno spazio senza confini e norme, in cui a ciascuno è concesso di ritagliare una propria geometria d’uso. L’assenza di un’identità urbana di riferimento capace di svolgere un ruolo di assimilazione culturale così come di educazione e di miglioramento civico, fa sì che le odierne realtà urbane si configurino come un labirinto di esperienze che finiscono spesso per disorientarci. Lo spazio che ci circonda è, in parte, responsabile del nostro agire: ci invia gli input che ci inducono ad assumere certi atteggiamenti piuttosto che altri. Allo stesso modo, l’uomo è l’essere che più di ogni altro può modificare l’ambiente per adattarlo ai propri scopi. La verità è che siamo noi cittadini che creiamo l’identità del luogo. Assumere un comportamento corretto richiede meno sforzi di quanto si pensi, ma spesso agiamo determinati dal contesto che ci circonda. Per cambiare le persone bisogna, quindi, modificare il loro spazio urbano che, successivamente, indicherà la strada da seguire. Ma quali caratteristiche dovrebbe avere oggi una città per andare incontro alle esigenze dell’uomo contemporaneo? Quali aspetti si possono mantenere e quali invece andrebbero rivisti affinché la città sia di nuovo “un grembo che ci accoglie” (W. Benjamin, 1955)? Come dovrebbe essere la città del futuro? A misura d’uomo? Innovativa, e cioè capace di sfruttare al meglio la tecnologia nella erogazione dei servizi, sia privati che pubblici? Attrattiva, per le diverse categorie sociali e anche per i creativi, che producono idee, dunque beni, dunque ricchezza? Una città verde, con aree pedonali, mezzi pubblici sempre puntuali, percorsi ciclabili, etc? Meritocratica? Competitiva?... La mostra dal titolo 'Le città ideali. Ipotesi per la città' del futuro si propone di ridisegnare, sia pur idealmente, il volto delle nostre città, facendo appello alla fantasia e alle aspettative che ciascuno di noi nutre nei riguardi del luogo in cui vive. Gli artisti partecipanti hanno interpretato il tema della città ideale con opere pittoriche, fotografiche e grafiche, che spaziano da una visione più vicina alla realtà dei nostri centri urbani ad una lettura del tema in chiave fantastica e avveniristica.
Share |
ImageNation Milan
ImageNation Milan - The New Aesthetics arriva a Milano  con una mostra internazionale presso la...
Fotografia Europea
Venerdì...
Francesco Cito sceglierà il vincitore di URBAN Book Award
Siamo onorati di ospitare nella giuria di URBAN Photo Awards 2021 Francesco Cito, uno dei più grandi...
storie premiate al TTA
Ecco le storie premiate a vario titolo su TTA, TRAVEL TALES AWARD. Ai primi di settembre verranno ...
SCOLPITE
Inaugura oggi la mostra SCOLPITE, a cura dell'Associazione Donne Fotografe. "Con questa ...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
01 Ottobre 2021         a Roma   (Roma)
travel Tales ..[continua]
29 Ottobre 2021         a Trieste   (Trieste)
TPD masterclass ..[continua]

  Popular Tags  
contemporanea eventi piemonte lavoro shooting giovani cibo matrimonio LEXAR fotografia professionale premio città viaggi Verona stampa firenze
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13942 Utenti Registrati + 31244 Iscritti alla Newsletter
6911 News Inserite - 1851 Articoli Inseriti
2813 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate