Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi www.esta-usa-visto.it/   Shoot Food   Photofestival              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

News » Mostre » Scheda News

Paolo Pellegrin - Another Country
Autore: Redazione - Pubblicato il 14/12/15 - Categoria Mostre
Gradimento: Molto Interessante
Questa pagina è stata visitata 1920 volte

Share |

Dal 17 dicembre al 31 gennaio alla Leica Galerie Milano, in mostra gli ideali e i paradossi dell’America

Il 17 dicembre 2015 alle ore 18.30, presso la Leica Galerie Milano in via Mengoni 4 (angolo Piazza Duomo), si inaugura la mostra Another Country di Paolo Pellegrin. Tra i più apprezzati fotografi internazionali e membro di Magnum Photos dal 2005, Pellegrin ha lavorato in alcune delle principali zone di conflitto ed emergenze umanitarie nel mondo, dalla Palestina allo tsunami in Giappone, dall’Afghanistan all’Iraq al Kosovo.

Il progetto presentato alla Leica Galerie è il risultato del viaggio che dal 2010 l’ha visto nel Sud ovest degli Stati Uniti al confine con il Messico, dove approdano molti immigrati del Centro e Sud America che cercano di raggiungere gli USA. Un luogo di forti tensioni razziali, in cui le minoranze – poveri e immigrati legali o illegali – sono al centro di un intenso controllo da parte della polizia. Nei 30 scatti che compongono la mostra, lo sguardo di Paolo Pellegrin è rivolto alla violenza costante e quotidiana della società americana, alla discriminazione razziale, al problema delle armi, alle disparità economiche e alla cultura della sorveglianza su poveri e immigrati.

Another Country è un reportage sociale e di denuncia che mette in luce le contraddizioni presenti nella cultura e nella società statunitense: tra tensioni razziali e giochi di potere, tra violenza e senso di ribellione, tra maniacale controllo della polizia e apparente libertà per le minoranze presenti nel Paese. Parte del lavoro è inoltre dedicata a Guantanamo Bay e al carcere statunitense di massima sicurezza che Pellegrin ha fotografato a più riprese tra il 2006 e il 2012.

02_©Paolo-Pellegrin

“Questi temi mi hanno affascinato, e dopo quel primo viaggio a sud-ovest sono tornato in America quasi ogni sei mesi. Non ero alla ricerca di una storia particolare, ma del tentativo di dare un senso a un ethos. Ho cercato di arrivare al nocciolo di qualcosa sull'America, il suo spirito e i suoi ideali, e i paradossi che contengono” (Paolo Pellegrin)

Share |
ID
La Galleria Plenum fotografia contemporanea è lieta di presentare la mostra personale “ID” di Lorenz...
Borse di studio per Master di fotografia
Il Centro Sperimentale di Fotografia di Roma promuove un BANDO DI CONCORSO per il conferimento di...
Open call per giovani pittori, fotografi, street artist, grafici e illustratori, scultori e installa
Per la finale nazionale del contest MArteLive che si svolgerà in un’unica ed esclusiva&...
WUrban Prize Winners!
"Here comes in colors" di Greta Polimene è la foto vincitrice assoluta di URBAN 201...
PHOTOLUX 2017
IL MEDITERRANEO PROTAGONISTA DI PHOTOLUX 2017 A Lucca, dal 18 novembre al 10 dicembre 2017, torna...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
10 Febbraio 2018         a Barbagia   (Nuoro)
Se quando pensate al Carnevale pensate a stelle filanti e mascherine, carri allegorici e divertiment..[continua]

  Popular Tags  
fotografa rivista promozione reflex polifemo microstock 2010 contest ombre gratis photofestival exhibition reportage raffaella milandri selezione
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13488 Utenti Registrati + 10369 Iscritti alla Newsletter
6461 News Inserite - 1752 Articoli Inseriti
2762 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate