Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi www.esta-usa-visto.it/   ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

News » Eventi e Rassegne » Scheda News

Photo Journalism Conference: Francesco Cito
Autore: Art Photo Travel - Pubblicato il 13/07/16 - Categoria Eventi e Rassegne
Questa news non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina č stata visitata 3126 volte

Share |
  Dal 29 Ottobre 2016 al 29 Ottobre 2016 in provincia di Siena a Siena

"Fotogiornalismo e Reportage nei paesi in guerra"

Conferenza del Fotoreporter FRANCESCO CITO


Informazioni

Lingua: Italiano
Numero partecipanti: massimo 220 persone
Data: sabato 29 ottobre 2016
Sede: Sala Concerti, Accademia Musicale Chigiana - Via di Città, 89 - Siena
Orario: dalle 9:00 alle 12:30
Ingresso: libero fino ad esaurimento posti
Prenotazione: obbligatoria sul sito ArtPhotoTravel

Descrizione: Come costruire un reportage in paesi a rischio? Step operativi e principi etici per raccontare i conflitti e le loro conseguenze umanitarie con il mezzo privilegiato dell’immagine. In questo seminario il fotoreporter Francesco Cito ci aiuterà a capire come si prepara un reportage in un paese in guerra, come ci si muove sul terreno tutelando la propria incolumità e rispettando il più possibile i principi di neutralità dell’informazione. “Ciò che non si comunica non esiste” scriveva Ignacio Ramonet, direttore de Le Monde Diplomatique, già molti anni fa. E questo vale tanto più per le zone di conflitto, dove le violazioni dei diritti umani sono più drammatiche, dove spesso è molto difficile testimoniare ciò che accade. Dall’invasione sovietica in Afghanistan, al fronte libanese, dai territori Palestinesi alla guerra nel Golfo, fino all'arrivo dei soldati americani in Arabia Saudita dopo l'invasione del Kuwait e molto altro, Francesco Cito, ha seguito e documentato fino ad oggi i conflitti in molte parti del mondo, scrivendo articoli non dalle stanze di alberghi ma vivendo sul terreno e seguendo talvolta per mesi i percorsi dei guerriglieri. Il seminario, attraverso le immagini realizzate da Francesco Cito, tratterà argomenti interessanti quanto drammatici, ma permetterà anche di comprendere le difficili condizioni in cui si è costretti ad operare per realizzare reportage nei territori interessati dai conflitti bellici.

Cosa imparerai: La conferenza è a scopo divulgativo ed è aperta a tutti: appassionati di fotografia; coloro che vogliono acquisire nuove competenze in materia di giornalismo; coloro che sono interessati a conoscere o ad approfondire il tema del reportage; professionisti che desiderano confrontare le proprie esperienze personali o professionali.
L' incontro è valido per l'assegnazione di 4 crediti formativi agli iscritti all'Ordine dei Giornalisti.

Ferdinando Scianna, fotografo della Magnum Photo, a proposito del lavoro dell’inviato, ha affermato che: «Il problema non è l’informazione mancata, ma quella annegata. Un tempo eravamo violinisti da musica da camera, con un pubblico attento, ora è come se suonassimo il violino in mezzo al traffico: diventa quasi impossibile farsi sentire tanto frastornante è il rumore di fondo». La professione di corrispondente di guerra, a partire dalla seconda guerra del golfo, ha assunto spesso l’etichetta di embedded, ossia di «incastrato» nell’esercito, ad indicare chi, mettendo a serio rischio la propria vita, parte insieme alle truppe con elmetto e giacca mimetica, addestrato per le situazioni d’emergenza. Per il famoso inviato di guerra Robert Fisk l’elemento decisivo non è l’arruolamento fisico, ma quello mentale. In zona di guerra, la vita quotidiana del reporter subisce un condizionamento cui è difficile resistere, in quanto ogni esperienza diretta, ogni momento della giornata, ogni relazione, ruota sempre all’interno della rigida macchina militare. È inevitabile che il corrispondente finisca per diventare lui stesso una parte di quel meccanismo.

Share |
Trieste photo Days 2019
Trieste Photo Days 2019: avanti tutta con Martin Parr, Nick Turpin e decine di ospiti Conto alla ...
Wildlife Photographer of the Year 54
In scena a Milano il Wildlife Photographer of the Year, la mostra di fotografie naturalistiche pi&ug...
Photolux 2019
torna Photolux Festival, la biennale che getta uno sguardo limpido sul panorama fotografico int...
Inaugurazione mostra Over.State di Ilias Georgiadis
Inaugurazione Over.State di Ilias Georgiadis a cura di Michele Corleone Giovedė 14 novembre ore 19 ...
New-Post Photography
MIA Photo fair è lieta di annunciare New-Post Photography?, una nuova iniziativa volta a...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
11 Dicembre 2019         a Roma   (Roma)
Una masterclass di 15 giorni dedicata alla Fotografia Documentaristica..[continua]
27 Dicembre 2019         a CAMBOGIA   (Lecco)
workshop fotografico dedicato alla fotografia di reportage I partecipanti lavoreranno a ideazione, s..[continua]

  Popular Tags  
viaggio jazz obiettivo reporter apple digitale portrait montagna memoria exhibition fotografia sociale puglia image consult street photography photography workshop fotografico contrasto
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13845 Utenti Registrati + 15757 Iscritti alla Newsletter
6835 News Inserite - 1828 Articoli Inseriti
2815 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate